Soft-Air vs Paintball 

Il Soft-Air, anche noto, fuori dall’Italia come Airsoft, è un gioco di ruolo che simula la guerra. Può essere considerato una costola del più celebre Paintball, in cui si usano proiettili caricati a vernice, nato negli Stati Uniti. Negli anni 80 un gruppo di appassionati giapponesi importò questo gioco nel proprio Paese ma, a causa delle regole vigenti in Giappone, che vietavano l'uso di armi a vernice, introdussero pistole e fucili da softair ad aria compressa che sparavano pallini di plastica. Nacque così l'Airsoft.A differenza del Paintball, in cui è ben visibile la traccia del colpo andato a segno, il Soft-Air si basa sull'onestà degli interpreti. Non lasciando infatti, i pallini alcun segno visibile sul soggetto colpito, sarà quest'ultimo a dichiararsi fuori dal gioco in caso di "ferimento".Si pratica, previa autorizzazione, prevalentemente in zone boschive o comunque in aree disabitate. Meno frequente l'ambientazione indoor, a causa delle difficoltà nell'ottenere gli adeguati permessi. 

Una dotazione iperrealistica 

Le armi, denominate “Air Soft Gun”, sono modelli in scala 1:1 di vere armi da fuoco. Si usano pistole, fucili e addirittura mitragliatori che sfruttano l'aria compressa o un sistema a gas come mezzo di propulsione. Queste armi non devono superare un joule di potenza, pena l'interdizione dal gioco e l'obbligo di possedere il porto d'armi per il detentore. I proiettili sono pallini di plastica, hanno un diametro di 6 mm e sono chiamati “BB bullets”. L'unico punto su cui l'impatto di queste pallottole può avere gravi conseguenze sono gli occhi. Per questo motivo i “Soft Air Gunners”, così si chiamano i protagonisti di questo gioco, portano sempre degli occhiali protettivi di plastica.La dotazione del Soft Air Gunner replica in tutto e per tutto quella dei soldati veri e propri. Ogni giocatore potrà trovare in commercio tutto ciò che più gli aggrada, sia per quel che riguarda il look, che per gli innumerevoli accessori, scegliendo tra prodotti nuovi o tra quelli da collezione, che il florido mercato dell'usato mette a disposizione. Divise mimetiche ispirate agli eserciti più famosi e uniformi storiche; elmetti di varia provenienza e di tutte le epoche; decorazioni e distintivi originali per personalizzare la propria divisa. In vendita si trovano anche mappe e documenti originali, con prezzi che vanno da 1,50 € fino a 12.000 € per le vere rarità. Tra gli accessori di cui ogni giocatore necessita, oltre agli occhiali, vanno ricordati il navigatore GPS per conoscere sempre la propria posizione, il gas e i pallini di scorta per ricaricare le proprie armi, dei contenitori per il cibo e uno zaino.
 

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda