Documenti e mappe militari da collezione: una passione per la storia

Una collezione di mappe militari e documenti antichi ha una duplice valenza: una culturale, in quanto si tratta di articoli da collezioneche tramandano contenuti socioculturali, e una monetaria, basata essenzialmente sulla datazione dei reperti. Per questa ragione si tratta di una delle collezioni di maggior successo tra storici e studiosi di vario genere, sempre alla ricerca di nuovo materiale per arricchire la propria raccolta. Come spesso accade per gli oggetti antichi, la storia che si cela dietro documenti e mappe militari è in parte misteriosa. Le informazioni di natura storica riportate sui reperti non sono sempre sufficienti a stabilire datazione e provenienza, ragion per cui occorre una certa dimestichezza della materia per poter valutare il valore di mercato delle stampe in questione. In termini del tutto generali, qualsiasi collezione in ambito militarenecessita di conoscenza e approfondimento, elementi imprescindibili per evitare di incappare in articoli falsificati.

Come organizzare una collezione

Prima di cominciare a raccogliere mappe e documenti è molto importante assicurarsi di disporre del locale adatto alla conservazione delle stampe: i reperti potrebbero essere molto delicati e aver bisogno di una stanza al riparo dalla luce, dalla polvere e dall’umidità. Inoltre, è fondamentale proteggere i documenti dall’eventuale attacco di parassiti, come termiti, tarme e tarli. A questo proposito, può essere molto utile posizionare dei fiori secchi di lavanda vicino alle stampe da proteggere; se non è possibile reperire i fiori si può optare per l’acquisto di candele profumatee oli essenziali, che sono comunque efficaci nel tenere lontano insetti e parassiti. Un momento molto importante nell’organizzazione di una collezione è la digitalizzazione della stessa. Questa operazione consta nel creare una sorta di archivio digitale, scannerizzando tutti i documenti che fanno parte della raccolta, che permetta di consultare le stampe in ogni momento, senza il bisogno di maneggiare fisicamente i documenti, proteggendoli così da usura e logoramento.

Documenti e mappe militari: da dove cominciare

La decisione di cominciare una collezione di documenti e mappe militari nasce dal profondo bisogno di approfondire gli eventi di un preciso periodo storico. Tantissimi collezionisti italiani hanno sviluppato interesse in questo genere di articoli grazie ai reperti risalenti al periodo fascista, articoli straordinariamente comuni nel nostro territorio. La raccolta di mappe e documenti comincia approfondendo un determinato periodo o una serie di avvenimenti rilevanti, in modo da poter cercare gli articoli seguendo una logica cronologica. Il prezzo medio di un reperto è estremamente variabile sulla base del suo stato di conservazione e della sua datazione. Si può passare da poche decine di euro per un semplice volantino, fino ad arrivare a cifre superiori ai 100 € per documenti particolarmente rari.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda