Che cos’è l’ambra

Le variegate pietre di ambra che possiamo ammirare in tanti meravigliosi gioielli, sono il risultato della fossilizzazione millenaria della resina degli alberi di conifere. Spesso, solidificandosi, l’ambra trattiene al suo interno residui vegetali o animali, soprattutto piccoli insetti. Queste cosiddette “inclusioni”, che rimangono incastonate nella pietra, rendono ogni esemplare assolutamente unico.

L’ambra più comunemente utilizzata per la produzione di gioielli è l’ambra baltica (o succinite), ovvero quella che si è originata 40 milioni di anni fa dalle conifere presenti nei paesi del Nord Europa e che si è diffusa, anche attraverso il corso dei fiumi, fino alla Russia settentrionale. Oggi, quando si parla della cosiddetta “Via dell’ambra” ci si riferisce a una fascia di 400 chilometri che si estende tra i Paesi Baltici (Estonia, Lettonia, Lituania) e la Russia, zone in cui si trovano i maggiori giacimenti di questa preziosa resina. Tanto preziosa da essere definita “l’oro del Baltico”.

Tipi di ambra baltica

Prima di ogni acquisto è utile conoscere le diverse tipologie di questa resina; i diversi tipi di ambra (che è considerata una gemma semipreziosa) hanno, infatti, anche prezzi diversi. Le varietà meno preziose sono quella incollata e quella ricostruita (o pressata): in questi casi, due o più pezzi di ambra vengono incollati tra loro tramite sostanze adesive incolori o sottoponendo le parti a forti pressioni e temperature (senza l’aggiunta di nessuna colla). Quando si parla di ambra modificata, si intende una gemma le cui caratteristiche estetiche (come colore, trasparenza o forma) sono state alterate tramite un trattamento termico o ad alta pressione.

L’ambra baltica naturale, invece, è quella le cui caratteristiche fisiche sono rimaste inalterate e che è stata sottoposta solo a trattamenti meccanici, come macinazione, taglio o lucidatura. Nonostante la poca lavorazione subita, la sua origine naturale e il lento processo che ne ha determinato la formazione fanno sì che esistano pietre di ambra naturale molto diverse tra loro per colore, trasparenza e inclusioni. Queste differenze sono legate soprattutto agli elementi presenti nel luogo in cui essa si è formata. Esistono gemme di forme molto diverse: dal cuore, alla goccia, al classico cabochon, e con colori che variano dal giallo al nero.

La grande varietà di questa resina, fa sì che esistano gioielli di ambra in diverse fasce di prezzo: si parte da 2,89 € per un ciondolo a goccia, sino agli oltre 5.000 € di una collana di ambra dal gusto vintage.

Ricordate che i gioielli di ambra devono essere puliti esclusivamente con un panno morbido, perché, anche se queste gemme sono state esposte all’azione degli agenti atmosferici per milioni di anni, sono molto sensibili alle sostanze acide e si graffiano facilmente.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda