Il fantastico mondo delle miniature

Che sia per gioco dei più piccoli o per hobby dei più grandi, la bellezza delle miniature rimane la stessa in tutti i casi.

Sono ormai quasi due secoli che si hanno testimonianze della produzione di case per bambole, ancora oggi prodotte a mano nonostante la produzione di massa compensi gran parte delle richieste. Come forma di gioco, le testimonianze riportano indietro nel tempo di migliaia di anni, con ritrovamenti archeologici in Egitto come nell’antica Roma.

Essendo una forma d’arte a sé stante, le miniature richiedono una certa specializzazione nella costruzione dei componenti in scala ridotta, solitamente 1:12.

È, infatti, questa la scala di riproduzione oggi più diffusa tra collezionisti e artigiani, anche perché offre la possibilità di ricreare i dettagli in modo preciso e pulito.

Come cominciare

La disponibilità degli accessori e dei materiali è davvero vasta. Ogni minimo accessorio viene riprodotto, dai portagioielli fino alle colonne in marmo, con una qualità che varia da un produttore a un altro. Molti dei componenti fatti a mano da abili artigiani si rivelano la scelta migliore per avere un pezzo unico o comunque non troppo diffuso.

Il modo migliore per cominciare è acquistare un kit per assemblare la casa, composto solitamente da pannelli di MDF pretagliati, anche a meno di 50 €.

Sia che si tratti di una casa con interni arredati o no, le porte devono corrispondere a uno stile ben preciso, in linea con il resto dell’arredamento.

Houseworks è un marchio ben noto per la produzione di componenti di alta qualità, le cui porte e finestre vengono riprodotte seguendo diversi stili. La porta in legno in stile Palladiano 1:12, che si può lasciare grezza o rifinire, costa circa 30 €, a cui bisogna aggiungere poco più di 5 € per una maniglia in ottone. Una colla specifica per legno è l’ideale per questi componenti e può avere un prezzo inferiore a 5 € per i piccoli flaconi.

Scendere nei dettagli

Questo è ciò che differenzia un hobby dalla nascita di una piccola opera d’arte.

Una volta conclusa l’installazione di porte e finestre, è facile passare alla carta da parati, autoadesive o no, i cui prezzi variano in base al motivo e al tessuto, genericamente sotto i 10 € per quelle più semplici in piccoli fogli da 70 cm. Un prezzo simile riguarda anche i pavimenti.

Uno degli ambienti maggiormente riprodotti è la cucina; qui, gli accessori in ceramica o plastica sono numerosi e nulla viene lasciato al caso dai produttori come Bodo Hennig.