Prendersi cura del proprio gatto

Oggigiorno, il mercato offre numerosissimi articoli per gatti tra cui si può trovare qualsiasi cosa per occuparsi di lui: non solo alimenti, giochi e trasportini, ma anche molti prodotti per la sua salute.

Il gatto è considerato un ottimo animale da compagnia in quanto, grazie alla sua abitudine a leccarsi di continuo, provvede autonomamente alla sua pulizia quotidiana. Ciò, tuttavia, non lo rende esente dalla possibilità di essere infestato da spiacevoli parassiti. Questi minacciano la salute del gatto, non solo nel caso in cui l’animale abbia accesso diretto al giardino, ma anche se vive unicamente in casa; in questo caso, infatti, i parassiti possono utilizzare altri veicoli, come ad esempio le scarpe, per accedere all’interno dell’abitazione e quindi attaccarsi al felino.

Antiparassitari per gatti

Soprattutto d’estate, i mici diventano bersaglio di numerosi parassiti, i più comuni dei quali sono pulci e zecche che si attaccano alla cute del gatto per nutrirsi del suo sangue. Ciò può provocare fastidiosi pruriti e arrossamenti ma anche problemi più seri. Le zecche, in particolare, sono portatrici di malattie pericolose anche per l’uomo che, pur non essendo il loro ospite d’elezione, può occasionalmente venirne attaccato.

Per mantenere l’ambiente salubre e sicuro anche per l’uomo, è quindi fondamentale utilizzare degli antiparassitari per gatti adeguati e trattamenti mirati.

Quale scegliere: spot-on, collare o spray?

Esistono vari tipi di antiparassitari, sia chimici, che hanno solitamente una durata maggiore ma possono essere più aggressivi per il gatto, sia naturali, che però hanno il difetto di non essere resistenti all’acqua. Per scegliere il più adeguato al nostro animale si dovranno considerare le caratteristiche dei vari tipi di prodotti. I più utilizzati sono i cosiddetti spot-on, fialette monouso, vendute solitamente in kit completi di più dosi, che si applicano tra le scapole dell’animale dove non arriva a leccarsi, evitando così che possa rimuovere il prodotto e rischiare di intossicarsi. Il costo è mediamente di 4 € a fialetta. Un altro metodo di somministrazione sono i collari a rilascio graduale. Questi presentano il vantaggio di far durare più a lungo l’effetto, purtroppo però non sono molto indicati per gatti che vivono all’esterno, in quanto potrebbero rimanere impigliati e farsi male o perderlo. Il costo varia da 5 € a 50 €, a seconda della qualità e della durata. Ci sono poi gli spray da spruzzare direttamente sul pelo dell’animale; questa soluzione si rivela la meno gradita dal gatto che, generalmente, viene spaventato dalla vaporizzazione; inoltre, proprio per la sua abitudine a leccarsi continuamente, potrebbe rischiare di intossicarsi. Questi spray vengono utilizzati anche in casa per debellare eventuali infestazioni. Il loro prezzo varia da 20 € a 40 €, a seconda del marchio e della quantità.