Realtà virtuale: non è un concetto nuovo come sembra

Quello della realtà virtuale è un mondo affascinante: indossando un apposito visore, è possibile ritrovarsi catapultati in un mondo nuovo, quello virtuale, che, occupando tutto il campo visivo, è in grado di scollegare chi lo usa dal mondo reale.

Chi non ha mai provato l’esperienza di indossare un visore può immaginare che la realtà virtuale sia ancora fantascienza, qualcosa da relegare al mondo dei film come Matrix. In realtà, i primi esperimenti legati a questo mondo risalgono agli anni ‘80 e ‘90: un ottimo esempio è l’R-Zone, distribuito da Tiger Electronics nel lontano 1995.

Era una console a cartucce che prevedeva un visore da mettere di fronte agli occhi, la cui tecnologia fu abbandonata a causa dello scarso successo. Oggi è ancora possibile acquistare questa console vintage online, al costo di circa 100 €, per verificare con mano quanto sia diversa da quella offerta dai visori VR moderni, che sono venduti ad un costo incredibilmente basso paragonato ai risultati che la tecnologia riesce ad offrire.

I visori non sono tutti uguali: quale scegliere

Sebbene la tecnologia di visori per realtà virtuale sia ancora poco utilizzata a livello professionale e molto legata al campo dei videogame, i visori ad oggi disponibili sul mercato offrono un’esperienza visiva davvero avanzata e coinvolgente. I visori per la realtà virtuale possono essere suddivisi in due categorie: la prima è quella dei visori che necessitano uno smartphone per funzionare, la seconda è quella dei visori cosiddetti standalone.

I visori per la realtà virtuale per smartphone funzionano inserendo il cellulare al loro interno: grazie a lenti appositamente studiate per una visione a 180 gradi, lo schermo del telefono viene utilizzato per mostrare i contenuti, catapultando l’utilizzatore dentro ai numerosi giochi disponibili tramite un’apposita app.

Questi visori sono i più economici, con un prezzo che varia tra i 7 € e i 20 €, ma hanno lo svantaggio di offrire una visione di qualità inferiore rispetto ai visori da PC e console. Questi ultimi permettono infatti di avere una qualità dell’immagine decisamente superiore, che garantisce all’utente un’esperienza immersiva.

Accessori per visori

Se si acquista un visore, non si può non comprare anche un’apposita custodia in cui riporlo. Con un prezzo che varia tra i 15 € e i 30 €, le custodie sono solitamente studiate appositamente per un certo modello di visore. Per migliorare l’esperienza virtuale, sono disponibili sul mercato anche dei sensori di movimento studiati per far variare le immagini proposte in base ai movimenti del soggetto che indossa il visore. E se qualcosa va storto, niente paura: il mercato offre anche tutta una serie di ricambi per articoli per realtà virtuale.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda