Perdite di liquido dall’impianto di raffreddamento per la moto

Può capitare che sia necessario un intervento all’impianto di raffreddamento della moto.

Se il mezzo è stato fermo per un lungo periodo, magari per il rimessaggio invernale, i tubi di raffreddamento potrebbero essersi sciupati, i manicotti usurati o i raccordi allentati.

L’indicatore di un problema al sistema di raffreddamento è una perdita di liquido sotto il motore, di cui bisogna identificare l’origine per poter intervenire alla riparazione.

Il primo passo è sicuramente verificare la tenuta delle fascette e dei tubi di raffreddamento per moto. Stringere bene le fascette e controllare che non vi siano più perdite.

Se il liquido continua a trafilare, forse c’è un problema al radiatore. I radiatori dell’acqua per moto si crepano facilmente, soprattutto a seguito di urti o eccessive vibrazioni. Il radiatore può subire danni anche a causa di una scelta errata del fluido antigelo, che deve essere adatto alle temperature invernali più o meno rigide della zona in cui la moto viene utilizzata.

Infine, le perdite possono anche essere determinate da guasti alle pompe dell’acqua per moto.

I tubi di raffreddamento per moto: riparazione e sostituzione

Se la perdita è dovuta a tagli, forellini o perdite dai tubi di raffreddamento,si può procedere con la riparazione o la sostituzione. Così il problema sarà risolto in breve tempo, con relativa facilità e con costi abbastanza contenuti.

Per la riparazione può essere sufficiente applicare una “pezza” sul tubo danneggiato oppure usare le fascette stringenti oppure ancora i nastri sigillanti (resistenti alle alte temperature!).

In alternativa si può semplicemente sostituire il tubo rotto con costi variabili in base al modello, alla marca e ai materiali. I tubi di raffreddamento possono anche essere acquistati su misura. Un metro di tubo per per Yamaha costa un minimo di 7-8 € se non marcato, costerà di più se prodotto dalla casa madre.

L’estetica dei tubi

La sostituzione dei tubi può anche essere dettata da altre ragioni, spesso collegate all’estetica della moto.

Esiste un vero e proprio universo di colori che possono cambiare il volto del vostro mezzo.

Online si trovano interi kit di tubi variopinti (per lo più in silicone) che, se montati ad arte, riescono a garantire un bel tocco di individualità, rendendo unica e inconfondibile la moto.

Si può immaginare una selva di tubi rosso fiammante applicati alla vostra Suzuki; oppure una rete di lampi blu montati sulla propria Honda.

L’effetto è garantito!

I costi per un restyling estetico di questo tipo variano dai 50 € ai 200 € per un kit di tubi colorati in silicone e la differenza di prezzo dipende dalla marca, dal materiale e dalle misure.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda