Stazioni saldanti e rework

Stazioni saldanti e rework

La stazione saldante è un attrezzo di fondamentale importanza per chiunque si dedichi allelettronica, che sia per hobby o per professione. Le attrezzature tecniche più moderne, soprattutto quelle digitali, sono sempre più complesse e di dimensioni sempre più ridotte. Questo può rendere più difficoltosa ai tecnici esperti, la scelta della stazione saldante migliore per le proprie esigenze. Le attuali apparecchiature per la saldatura si possono classificare in: stazioni saldanti tradizionali, stazioni per saldature senza piombo, stazioni saldanti ad aria calda e stazioni saldanti a infrarossi.

Stazioni saldanti tradizionali

Le stazioni saldanti tradizionali sono i modelli più semplici e comuni. La saldatura, come nel caso dei saldatori manuali, avviene tramite il contatto dei componenti e dello stagno. Il vantaggio è che, mentre un saldatore non permette di controllare la temperatura e porta quindi al rischio di surriscaldamento, la stazioni saldante professionale è costruita con alimentatore e punta del saldatore separati. Questo rende possibile controllare la tensione di uscita e quindi regolare la temperatura. Alcune stazioni saldanti sono dotate di un sistema di stabilizzazione termica, che mantiene la temperatura della punta stabile durante le varie operazioni.

Stazioni per saldature senza piombo

Le stazioni tradizionali non superano generalmente i 50-60 watt di potenza e quindi vengono utilizzate per le saldature con bassa temperatura di fusione. Per riparare circuiti stampati moderni e dispositivi elettronici come smartphone e computer è consigliabile utilizzare una stazione saldante per saldature senza piombo. Questi attrezzi funzionano in modo simile a quelle tradizionali, ma la loro potenza va dai 75-80W fino a circa 150W e sono dotate di un migliore stabilizzatore della temperatura. Inoltre, possono venire utilizzate anche per le saldature tradizionali.

Stazioni saldanti ad aria calda e a infrarossi

Le stazioni saldanti ad aria calda vengono utilizzate per lavorare i piccoli componenti SMD e i microchip BGA e riparare telefoni cellulari o computer. Queste stazioni saldanti hanno una potenza sufficiente per lavorare sia le saldature con piombo che senza piombo ed esistono anche modelli che combinano la pistola ad aria calda con il saldatore tradizionale. Le stazioni a infrarossi, invece, permettono di montare grandi circuiti BGA e ridurre l´effetto termico sui componenti di plastica. Per questo sono generalmente usate nei centri di assistenza tecnica, per riparare le schede madri dei PC o le console per videogiochi.

I migliori brand di stazioni saldanti

In base alla tipologia e al modello, le stazioni saldanti hanno prezzi molto vari, che partono dai 13 € delle stazioni analogiche ai 70 € delle stazioni ad aria calda. Le stazioni a infrarossi possono arrivare anche ai 1.000 €, ma è possibile trovare prodotti usati a prezzi inferiori. Le stazioni saldanti Lafayette e Weller sono molto conosciute per via dell´esperienza pluriennale delle rispettive aziende, che offrono attrezzi di qualità a prezzi accessibili. Questi prodotti sono dotati di illuminazione al led, che permette infatti di lavorare anche in condizioni di luminosità scarsa, usando entrambe le mani.