Lo spartito: per imparare o migliorare

Secondo alcune persone, imparare a suonare uno dei tanti strumenti musicali è una delle esperienze più affascinanti della vita. In molti coltivano questo desiderio senza mai poterlo realizzare davvero, forse convinti dell’impossibilità di superare le iniziali e naturali difficoltà.In realtà, basta poco per imparare; e poi servono impegno e passione per migliorare. Tanto per i principianti quanto per i musicisti di professione, esiste uno strumento indispensabile per leggere le note che compongono una melodia musicale: lo spartito. A livello terminologico è bene fare una distinzione tra spartito e partitura. Quest’ultima è la notazione grafica su più righi musicali delle parti vocali e strumentali complessive di un brano musicale, generalmente ad uso del direttore d’orchestra. Esistono partiture per studioche riportano una singola parte strumentale e sono in genere utilizzati a fini didattici per esercitazioni al piano, alla chitarra o con qualsiasi altro strumento musicale. Il termine spartito viene, nell’uso corrente, utilizzato come sinonimo di partitura, ma in senso proprio è la versione ridotta per voce e pianoforte di un brano orchestrale.

Spartiti musicali

Esistono spartiti per ogni strumento, dalla fisarmonica al clarinetto, dal basso al mandolino, e per ogni genere musicale, classico, pop, rock, jazz. Tra i più richiesti, gli spartiti musicali per pianofortecomprendono generi molto diversi tra loro, dalle colonne sonore alle canzoni da musical, mentre gli spartiti musicali per chitarra sono i più comuni data l’enorme diffusione di tale strumento tra i numerosi appassionati. Oltre ai classici spartiti, per questo strumento sono molto usate anche le cosiddette tablature, versioni semplificate con una simbologia ad hoc che riportano le note ma non la loro lunghezza, per cui è indispensabile conoscere il brano da suonare. Le partiture per pianoforte si distinguono per livello di difficoltà e possono essere tematiche, comprendenti una serie di brani natalizi, ad esempio, o anche mono autore, e hanno prezzi compresi tra 3 e 30 €. Un prezzo più elevato hanno le partiture orchestrali o quelle destinate a particolari strumenti: quelli di musica classica possono sfiorare i 100 €.

Canzonieri

Il termine canzoniereindica una raccolta di poesie, ma nel linguaggio comune è passato a significare un insieme di canzoni e canzonette, raccolte per autore, tema o genere musicale, e comprendente partiture musicali più o meno semplificate. I più comuni sono quelli con accordi per chitarra e in genere comprendono canzoni di genere pop più o meno moderne, canzoni italiane con testo da cantare con l’accompagnamento della chitarra. Spartiti acquistabili online a partire da 4 €, in genere non superano i 30 € e sono lo strumento ideale per chi vuole imparare a suonare o per passare piacevoli serate musicali in compagnia.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda