Pitch-mark e solchi nel terreno: come rimediare?

Durante una partita a golf capita spesso di colpire la pallina con forza, soprattutto per i tiri dalla lunga distanza. Atterrando, la pallina comprime il manto erboso lasciando un evidente solco sul terreno, che in termine tecnico viene definito "pitch mark". Più alta è la verticale della traiettoria di caduta, più marcata sarà dunque la traccia lasciata sul green. Per questo motivo, i giocatori alle prime armi sono soliti vantarsi dei loro pitch mark più evidenti, indice di un tiro lungo e spesso ben calibrato. Tuttavia, ciò porta a un progressivo deterioramento del terreno: per ovviare a tale problema è dunque necessario utilizzare un solleva-pitch, speciale strumento che permette di riparare il pitch mark.

Il pitch mark, da vanto a danno

Quando la pallina atterra sul green, comprime il manto erboso verso il basso e in avanti, deformando i bordi del terreno e creando quindi dei rilievi più o meno evidenti sulla superficie. Ciò compromette la regolare manutenzione del campo, creando inoltre diversi problemi durante il gioco: un terreno irregolare ostacola infatti i giocatori che, nella maggior parte dei casi, non saranno in grado di effettuare un tiro potente e ben calibrato con la loro mazza. Inoltre, la parte del terreno esposta ai danni del pitch mark, rimasta ormai senza erba, diviene in poco tempo vulnerabile all'attacco di erbe infestanti, quali la Poa annua. Infine, con le ordinarie operazioni di manutenzione del green, il danno potrebbe peggiorare, ad esempio, in seguito all’intervento del custode del campo, che inevitabilmente utilizzerà il tosaerba per tagliare il manto erboso.

Come usare il solleva pitch

Il solleva-pitch permette di prevenire il verificarsi di tali situazioni, mantenendo il tappeto di gioco liscio e perfetto per tutti i golfisti. Questo piccolo accessorio, molto simile a una forchettina, dovrebbe essere presente in ogni sacca da golf, per permettere al giocatore di sistemare il manto erboso dopo ogni tiro. Per riparare il solco nel terreno è necessario infilare lo strumento nel perimetro della fossetta e poi muovere la zolla verso il centro. Così facendo, il golfista dovrebbe essere in grado di chiudere il pitch mark spostando la terra nel mezzo del solco, ripetendo poi l’operazione per tutto il perimetro della fossetta. Alla fine si dovrà schiacciare l’area con la punta della scarpa, o meglio ancora, con l’estremità della mazza, in modo da livellare per bene la superficie. In commercio esistono diversi modelli di solleva-pitch da golf, differenti tra loro dal punto di vista del design e dei materiali utilizzati. Il prezzo per uno strumento standard in acciaio è alquanto contenuto, si attesta infatti attorno ai 10 €, ma supera i 120 € per preziosi modelli in oro e argento.