Le origini del salvadanaio

Nel mondo del collezionismo esistono moltissime realtà. Qualsiasi oggetto può diventare un articolo da collezione e alcuni sono più particolari di altri. Per esempio, si collezionano bustine da zucchero, lamette da barba e, tra le altre cose, anche salvadanai.

Il salvadanaio è un oggetto di uso comune, al giorno d’oggi soprattutto per i bambini, ma che ha una storia molto antica. Nasce circa 600 anni fa, all’epoca le persone tenevano i soldi in casa e per questo c’era bisogno di un luogo dove conservarli e tenerli lontani dai malintenzionati. Siccome il metallo era un materiale raro e costoso, molti tenevano i soldi in brocche da cucina di argilla. In tempi più recenti, le banche distribuivano spesso ai correntisti, a scopo promozionale, delle cassette in metallo dove riporre i loro risparmi.

Oramai quasi tutti i salvadanai di uso comune hanno un buco sul fondo per poter estrarre i soldi già inseriti al suo interno, tuttavia in passato l’unico foro era la fessura per infilare le monete. Per cui il contenitore si poteva aprire solo rompendolo. Secondo alcuni questa sarebbe l’origine dell’espressione “bancarotta”.

Salvadanai da collezione

Tra le forme più caratteristiche, la più riconoscibile è sicuramente il tradizionale porcellino salvadanaio. Questo deriva probabilmente dalla tradizione contadina di dare il cibo avanzato ai maiali. Si trattava di una sorta di investimento sulla qualità del bestiame; senza dimenticare che il maiale era simbolo di abbondanza. Per altri, invece, deriverebbe dal nome inglese dell’argilla usata per le brocche dove si conservavano le monete.

Questo materiale veniva chiamato “pygg”, la pronuncia è molto simile a “pig”, maiale in inglese, e quindi da lì la forma tanto riconoscibile e amata da molti collezionisti. Per coloro che si avvicinano per la prima volta ai salvadanai da collezione, potrebbe essere interessante iniziare proprio dai porcellini.

Trovare dei salvadanai usati in buone condizioni non è un problema, soprattutto se si tratta di prodotti più recenti con il buco sul fondo. Invece, un ottimo affare potrebbe essere la scoperta di un salvadanaio antico ancora integro.

Esistono salvadanai di tutte le forme e di ogni materiale, una volta capito come organizzare la propria collezione, si tratterà solo di trovare il prodotto più adatto ad essa. I prezzi variano da pochi euro alle centinaia (si parte da circa 1 € per le scatole di latta, fino a circa 900 € per dei veri articoli da collezione). Sul prezzo incidono i materiali, la rarità e la lavorazione.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda