Purificatori d’acqua da cucina: l’accessorio indispensabile da avere sempre a portata di mano

Gli italiani consumano una maggiore quantità di acqua minerale in bottiglia rispetto al resto del mondo. Questo perché si ha paura che l’acqua del rubinetto non sia controllata in modo adeguato e contenga dunque batteri dannosi per la salute. Tuttavia, sfruttando alcuni accorgimenti è possibile bere l’acqua proveniente dal lavandino, risparmiando sull’acquisto dell’acqua imbottigliata industrialmente. In commercio esistono infatti specifici purificatori d’acqua che, come suggerisce il nome, purificano l’acqua del rubinetto, rendendola potabile. 

Purificatori d’acqua da cucina: quale modello acquistare?

Il processo di depurazione dell’acqua permette di eliminare le impurità presenti nell’acqua, tra cui gli agenti inquinanti, le sostanze contaminanti ed i micro-organismi. Prima di acquistare un nuovo purificatore, è necessario misurare il grado di durezza dell’acqua della propria abitazione sfruttando un apposito kit, disponibile sia in farmacia che online per circa 20 €. In tal modo sarà possibile determinare il sistema di filtraggio più adatto alle proprie esigenze. Per depurare l’acqua è possibile acquistare un dispositivo da applicare al rubinetto, poco costoso e facile da montare, che richiederà tuttavia frequenti interventi di manutenzione e cambi di filtro. In alternativa, si può optare per un sistema di depurazione centrale da installare direttamente sull’impianto idraulico. Questa soluzione è ovviamente più costosa, ma permetterà di risparmiare sul lungo periodo. Tale sistema si basa su una membrana semipermeabile che funge da barriera e divide le molecole dell’acqua dalle sostanze in essa disciolte, rimuovendo dunque gli agenti nocivi. L’acqua che fuoriesce dal rubinetto è priva di impurità, di agenti inquinanti, di calcare e di sostanze contaminanti. In alternativa, è possibile optare per sistemi ad anidride carbonica, che agiscono tramite una cartuccia ricaricabile senza l’impiego di energia elettrica. Questi depuratori rendono l’acqua frizzante ed eliminano i germi presenti nel liquido grazie all’azione dell’anidride carbonica. Il depuratore d’acqua con carboni attivi riesce invece a filtrare le sostanze inquinanti organiche, senza però modificare la durezza dell’acqua. Prima di acquistarlo è dunque necessario verificare che il test effettuato in precedenza non abbia rivelato tracce di cloro, cloroformio, pesticidi o sostanze organiche nell’acqua. I filtri da applicare direttamente sul rubinetto possono essere acquistati per circa 80 €, andando poi a salire di prezzo fino a superare i 300 € per gli impianti più sofisticati. Tra le migliori marche di purificatori d’acqua da cucina spiccano senza ombra di dubbio Aqua, Ariete, Brita, Hotpoint, Daewoo ed Electrolux. Ovviamente, i depuratori d’acqua sono disponibili in varie colorazioni, da abbinare all’arredamento della cucina.
 

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda