Bellezza maschile, come cambiano i canoni estetici

La percezione della bellezza è un qualcosa di mutevole, sia nel tempo che nello spazio. Ciò che piace cambia al variare della cultura di appartenenza, e si evolve con il passare degli anni. La bellezza maschile non sfugge a questa legge. Guardando immagini dell’uomo “bello” d’inizio Novecento, sarà lampante la differenza con ciò che viene considerato attraente al giorno d’oggi. L’uomo combattente con i muscoli in mostra, un po’ tarchiato e bassino degli anni Dieci, oggi farebbe sorridere, e non ha molto a che fare con i moderni canoni di bellezza hipster o metrosexual, che vediamo in passerella e per le strade. Detto questo, è un dato di fatto che alcuni belli del passato, come il leggendario Rudolph Valentino, che causava svenimenti di uomini e donne negli anni Venti, o Clarke Gable, seduttore degli anni Quaranta, sono esempi che attraversano gli anni, senza “sentirli”.

Qualunque sia il tipo di fascino da valorizzare, oggi l’uomo presta molta più attenzione alla cura del proprio corpo, per cui la disponibilità di articoli per la bellezzadedicati al sesso “forte” è aumentata esponenzialmente.

L’avanzata dei prodotti da uomo

Dagli articoli per la cura dei capelli, come shampoo alla caffeina e cere per le acconciature, ai prodotti per la cura del corpo, anche uno sguardo superficiale alle corsie del supermercato, farà balzare agli occhi come il reparto dedicato all’uomo aumenti di dimensione, anno dopo anno. Dai prodotti per la depilazione alle creme idratanti, dai deodorantiagli antirughe per il viso, i prodotti maschili si distinguono per le confezioni nei toni scuri e decisi, e per le innumerevoli fragranze, non più esclusivamente volte a esaltare la mascolinità, ma pronte a sottolineare un gusto personale sempre più sofisticato.

Voglio il tuo profumo

Un discorso a parte lo meritano i profumi per il corpo. Molte essenze da uomo storiche, sono ancora attuali: a partire da Colonia di Acqua di Parma del 1916, per gli amanti di un profumo “intramontabile”, a Knoze Ten, 1925, per uomini dalla personalità marcata, al Pour un Homme de Caron, 1934, mascolino anche nella confezione squadrata. Accanto a questi però si sono diffusi, dagli anni Ottanta, profumi da uomopiù delicati, per coloro che non necessariamente devono porre l’accento sull’essere maschio. Nel 1984 Calvin Klein lancia CK One, uno dei primi profumi unisex, che rifletteva un nuovo stile, più androgino, evidente già sulle passerelle. Prodotti da Dolce e Gabbana, Serge Lutens, Etro, Byredo e Tom Ford, i profumi adatti a lui e lei, esplorano combinazioni inedite, per uomini che non disdegnano le essenze floreali e donne che amano i caratteri decisi.

L’eau de parfum unisex Black Orchid da 30 ml costa circa 60 €, mentre Creed da 50 ml parte dagli 80 €, entrambi di Tom Ford.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda