CPU

Central Processing Unit, questo è il termine in inglese che indica l’unità centrale, conosciuta in lingua italiana come microprocessore. Può essere visto come il cervello del computer a cui è affidata la capacità di calcolo, un ruolo fondamentale nel determinare le prestazioni di un computer.

È di piccole dimensioni, sta in un palmo della mano e trova la sua collocazione all’interno di un socket della scheda madre dove viene sormontato da un dissipatore che ne disperde il calore prodotto quando è in funzione.

Scegliere il processore migliore tra tutti quelli disponibili può essere arduo, dato che vengono classificati con nomi alfanumerici e hanno tutti caratteristiche diverse, nonostante svolgano la stessa funzione.

Intel e AMD si contendono il settore con uno sviluppo e un’evoluzione costante e con proposte che accontentano tutti, dal semplice navigatore in rete fino ai gamers più esigenti.

Scegliere un microprocessore

I componenti informatici di un computer vanno scelti avendo la certezza dello scopo che si vuole raggiungere, necessario per stabilire una fascia di prezzo e la potenza di calcolo necessaria.

Nella scelta del processore bisogna prendere in considerazione la velocità, espressa in GHz, il numero di unità di calcolo, chiamate Core, la memoria cache misurata in Megabyte che stabilisce la velocità di accesso ai dati più utilizzati.

Chi desidera un computer di base e non ha particolari esigenze di lavoro o svago, potrà orientarsi verso un processore con un prezzo inferiore a 200 €, come l’Intel Core 2 E8600, l’AMD A8-7670K, l’Intel i3 di seconda generazione piuttosto che di terza, tutti più che sufficienti per svolgere attività quali la navigazione in internet e per utilizzare le periferiche più comuni, come le stampanti. Il microprocessore dual core i3-7300 di settima generazione è aggiornato al 2017, offre 4 MB di cache e la possibilità di godere della qualità video 4K così come di videogiocare, a patto che sia supportato anche da una buona scheda grafica.

CPU per prestazioni superiori

Quello del gaming, settore dedicato ai videogiochi, è in costante crescita ormai da diversi anni e per ottenere una giocabilità fluida e senza scatti il processore deve avere, insieme a scheda madre, scheda grafica e memoria RAM, delle caratteristiche di fascia alta.

I nuovi processori Intel i7 Coffee Lake sono stati progettati per offrire ottima potenza e l’i7-8700K di ottava generazione ne è la prova. CPU adatta ai gamers e all’editing video anche in 4K, con 6 core, cache da 12 MB e capace di arrivare fino a 4.70 Ghz di frequenza sfruttando la tecnologia Intel Turbo Boost. Il prezzo è di circa 350 €, superiore al concorrente AMD, il Ryzen 7 1700, processore con 8 core, frequenza massima di 3.70 GHz, disponibile a soli 250 €.