Ricambi per moto per la manutenzione del veicolo

Ogni buon motociclista sa come prendersi cura della propria moto. La manutenzione del veicolo è importante per evitare brutte sorprese su strada e per ottenere il massimo delle prestazioni dal mezzo. La manutenzione ordinaria della moto prevede un lavaggio accurato, pulizia e lubrificazione della catena, check up della componentistica elettrica, controllo degli pneumaticie della carrozzeria. Anche se alcuni motociclisti preferiscono affidare i controlli della moto a officine specializzate, è possibile effettuare in autonomia gran parte delle operazioni di manutenzione ordinaria. Chi non ha ancora grande dimestichezza col veicolo può trovare un valido aiuto nella lettura del libretto d’uso e manutenzione e può consultare guide e tutorial presenti in Rete. In commercio c’è una grande varietà di ricambi e accessori che possono essere acquistati quando bisogna effettuare riparazioni o sostituzioni di componenti compromessi. Con qualche attenta ricerca si può trovare praticamente di tutto.

Acquistare un nuovo portatarga

Un componente della moto che viene sostituito con grande frequenza è il portatarga: spesso, infatti, i motociclisti preferiscono ricollocare la targa, per motivi estetici più che funzionali. Tra i numerosi articoli per carrozzeriapresenti sul mercato non mancano di certo portatarga sia nuovi che usati. È possibile acquistare un nuovo portatarga senza brand o di marche specifiche (Suzuki, Aprilia, Hondae tante altre), affrontando una spesa variabile: si può spendere da meno di 5 € a più di 3.000 €. Non ci sono norme che impediscano la sostituzione di questo articolo, ma ci sono aspetti tecnici che andrebbero approfonditi prima di cimentarsi nei lavori di sostituzione del portatarga.

Cose da sapere prima della sostituzione del portatarga

La targa della moto o dello scooter deve essere sempre ben visibile sulla parte posteriore del veicolo. Il Codice della Strada specifica che il portatarga deve essere di superficie piana e grande abbastanza da contenere la targa cui è destinato. La targa della moto deve essere collocata in posizione centrale o sulla sinistra (mai sul lato destro), deve essere verticale (con una certa tolleranza nella variazione delle angolazioni) e dritta. Per quanto riguarda l’altezza, il bordo inferiore della targa deve essere a minimo 20 cm dal suolo e il bordo superiore non può essere a più di 120 cm. È vietato apporre sulla targa adesivi o decalcomanie, fatta eccezione per l’adesivo indicante la provincia di residenza e l’anno di immatricolazione della moto. Il dettaglio dei parametri per un corretto posizionamento della targa è presente nel Codice della strada: è bene leggere attentamente queste regole, giacché eventuali irregolarità sono punibili con multe e sanzioni e possono portare anche al fermo amministrativo della moto.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda