Creare un acquario, una sfida non semplice 

L'acquariofilia è un hobby tanto diffuso quanto impegnativo e complesso. Il neofita potrebbe pensare che basti riempire un contenitore d'acqua, metterci i pesci e ricordarsi di nutrirli. Questo forse è un retaggio della famosa boccia di vetro con i pesci rossi che tutti i bambini hanno vinto almeno una volta nella vita al luna park. Con il risultato che maggior parte di quei pesciolini, dopo qualche giorno, galleggiava esanime a pelo d'acqua.Possedere e gestire un acquario richiede conoscenze specifiche, un certo investimento in termini di tempo e denaro, e dedizione. Riprodurre un habitat complesso come quello marino all'interno di una vasca di vetro non è per nulla semplice. 

Acquariofilia, consigli per cominciare 

La prima scelta da fare, per chi volesse cimentarsi con l'acquariofilia, è tra acqua dolce e acqua salata. La prima è senz'altro l'opzione più semplice: mentre i pesci di fiume o di lago sono, per loro natura, avvezzi ad adattarsi a variazioni stagionali significative, quelli d'acqua salata, essendo il mare un ambiente stabile, soffrono ogni minimo cambiamento ambientale. Quindi, se si opta per l'acqua salata, risulteranno fondamentali le dimensioni della vasca: più essa sarà grande, meno i pesci soffriranno eventuali variazioni della salinità. La capacità minima consigliata è pertanto di 100 litri.Il passo successivo è l'acquisto dell'attrezzatura necessaria al corretto funzionamento dell'acquario: pompa, filtro, luci e impianto di riscaldamento in primis. La pompa è il cuore pulsante dell'acquario, essa dovrà funzionare 24 ore al giorno e dovrà pertanto essere di buona qualità. La sua funzione è quella di spingere l'acqua verso i filtri, dove vengono assorbite le impurità, ed evitare qualsiasi tipo di ristagno che potrebbe rivelarsi fatale per molte specie di pesci. Tra i vari modelli di pompe per acquari le migliori sono probabilmente le pompe centrifughe. Queste pompe sono dotate di un disco con alette che girando aspira l'acqua al suo interno e la espelle dalla parte posteriore in direzione del filtro; sono particolarmente silenziose, dettaglio da non sottovalutare. Al momento dell'acquisto andranno prese in considerazione la prevalenza - la capacità di spingere un fluido verso l'alto - e la portata - la quantità d'acqua che la pompa riesce a spostare in un determinato arco di tempo. Sono questi infatti i parametri che ci permettono di distinguere tra un buon prodotto e un modello di scarsa qualità. I prezzi di una pompa per acquario variano dagli 8 € ai 190 € a seconda delle caratteristiche e dei materiali.Andranno poi scelte le decorazioni che non hanno uno scopo semplicemente estetico ma, come nel caso di spugne e coralli, contribuiranno al filtraggio dell'acqua garantendone la purezza.
 

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda