Pedali per biciclette: quali scegliere?

La scelta dei pedali per la propria bicicletta non è una decisione di poco conto. Si tratta di un aspetto fondamentale per praticare ciclismo in maniera corretta, in quanto sui pedali viene scaricato il peso corporeo nell’atto della pedalata. Un’andatura fluida e lineare dipende in maniera diretta dai pedali della bicicletta che trasformano lo sforzo muscolare in movimento.

Le tipologie principali di pedali per biciclette sono due: pedali piatti e pedali automatici. I pedali piatti sono molto comuni e sono particolarmente consigliati a chiunque si appresti a praticare ciclismo per la prima volta. In questi pedali per biciclette, il piede gode di totale libertà e non c’è un meccanismo che possa tenerlo bloccato. Si può salire e scendere dalla bicicletta con grande facilità, ragion per cui sono utilizzati come pedali per mountain bike. I pedali automatici sono raccomandati per praticare ciclismo a livello agonistico e devono essere utilizzati con l’ausilio di scarpe in grado di garantire l’aggancio e lo sgancio del piede. Solitamente si tratta di pedali per bici da corsa. Esistono poi pedali ibridi che sfruttano contemporaneamente i vantaggi dei pedali piatti e di quelli automatici. Da un punto di vista pratico i pedali piatti sono sicuramente più semplici da usare ma offrono un rendimento inferiore rispetto ai pedali automatici che massimizzano lo sforzo impresso dal ciclista.

Quali sono i marchi che producono pedali per biciclette?

Fra i principali produttori di pedali per biciclette troviamo Shimano, Look, Crankbrothers, Wellgo e Campagnolo. Tutti questi marchi offrono un’ampia scelta di pedali piatti ed automatici. Il costo dei prodotti varia molto a seconda dei materiali con cui sono realizzati e la fascia di prezzo dei modelli più comuni è generalmente compresa fra 20 € e 200 €. Tuttavia esistono pedali particolarmente indicati per l’attività agonistica che possono costare più di 400 €. Nella scelta dei pedali per biciclette è bene tenere in considerazione quali siano realisticamente le proprie esigenze. Non bisogna commettere l’errore di pensare che i pedali piatti siano più economici dei pedali automatici. Tutto dipende dalla qualità dei materiali utilizzati e dai processi di fabbricazione.

È possibile acquistare anche pedali per biciclette usati o rimessi a nuovo. Si tratta infatti di componenti che non sono particolarmente colpiti dall’usura, a patto che ci sia un’attenta manutenzione. I pedali piatti richiedono una manutenzione più approssimativa, mentre i pedali automatici vanno puliti rimuovendo eventuali residui di fango e polvere.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda