Parafreddo e paraspifferi per finestre: una soluzione economica ed efficace

Nelle gelide giornate invernali, quando si sta rintanati in casa davanti al camino, o da un’altra parte sognando di averne uno, i peggiori nemici sono gli spifferi. I parafreddo e paraspifferi vengono in soccorso ai freddolosi con una semplicità e un’efficacia che li rendono indispensabili. Tra gli articoli per il bricolage si possono trovare paraspifferi di ogni sorta. I marchi più conosciuti sono Fix-o-moll, Tesa. I prezzi sono piuttosto contenuti e possono andare dai 3 € ai 30 € a seconda del modello.

Parafreddo e paraspifferi: come scegliere il più adeguato

Tra gli bianco, marrone ecc.

Questo tipo di guarnizione si può trovare in differenti larghezze e spessori, in modo da adattarsi a tutti i tipi di serramenti e a fessure di diversa entità. Il loro adesivo è generalmente di ottima qualità ed è in grado di attaccarsi sia sul legno che sull’alluminio.

La loro applicazione è piuttosto semplice, vanno incollati sul battente della finestra, dopo averlo pulito con cura. Quando si andrà a chiuderla, il profilo si deformerà adattandosi alla fessura e chiudendola ermeticamente.

In commercio esistono inoltre dei paraspifferi di stoffa dall’estetica piuttosto accattivante che, in una casa arredata in uno stile romantico o un po’ country, possono contribuire a dare personalità. Ce ne sono fatti a sagoma di gatto, di cane, di bruco o a tema natalizio o a forma di caramella. Rispetto a quelli adesivi il loro costo è un po’ più alto, va ricordato inoltre che è consigliabile lavarli spesso. Questo tipo di paraspifferi è indicato solo se le infiltrazioni sono esclusivamente d’aria, se il problema riguarda anche l’acqua, risulteranno inefficaci. Se si desidera isolare al meglio una stanza, l’ideale sarebbe scegliere anche dei

Side Refine Panel