Parabrezza per moto

Ogni centauro sa bene che per poter godere appieno di tutte le gioie che una moto può offrire è necessario poter viaggiare comodi e in sicurezza. E´ molto importante quindi effettuare una manutenzione costante e scegliere gli accessori più adeguati quali pedane, specchietti, manopole e, naturalmente, parabrezza. I parabrezza per moto hanno differenti misure, forme e funzionalità. Nel momento dell´acquisto vanno tenute presenti le proprie abitudini e esigenze di motociclista, oltre che l´estetica e il budget a disposizione. Per quanto riguarda quest´ultimo, i prezzi sono di norma compresi tra i 60 € per un prodotto generico e i 600 € per uno di un brand blasonato. L´usato può offrire dei vantaggi, ma vale la pena acquistarlo solo se è in ottime condizioni, poichè andrà a influire sulla visibilità. 

Tipi di parabrezza

In generale i parabrezza si distinguono per misura, forma e colore. Per quanto riguarda la misura, si possono trovare quelli più bassi, o cupolini, che in generale si montano sulle moto, e quelli più alti, particolarmente adatti agli scooter. Esistono tuttavia delle eccezioni, come ad esempio i parabrezza per moto custom. Questo tipo di modo infatti, data la postura del pilota, possono montare parabrezza più alti. Quasi tutti i parabrezza sono in Plexiglas, materiale molto resistente che, anche se si dovesse rompere, non produce schegge che potrebbero ferire il conducente. Purtroppo il Plexiglas tende a graffiarsi facilmente, va quindi tenuto con una certa cura e cambiato dopo qualche anno. Per quanto riguarda la forma, esistono moltissime varianti ed è meglio avere chiaro quali sono le zone del corpo che si desidera coprire. I due colori più diffusi sono il trasparente e il fumè, alcuni marchi però producono anche parabrezza dal colore grigio o bronzo. 

Come scegliere il proprio parabrezza

Il parabrezza più adeguato va scelto in base alla moto, all´altezza e alla postura del centauro che la conduce, nonché al suo gusto personale. Esistono parabrezza per moto universali e altri dedicati esclusivamente a un modello specifico di mezzo. Un buon metodo per scegliere il parabrezza o il cupolino dalle misure più adeguate è quello di armarsi di metro, infilarsi il casco, salire in sella alla moto e misurare i centimetri che rimangono scoperti e si desidera proteggere. E´ bene sapere che, in generale, i cupolini, quando offrono una maggiore protezione in altezza, tendono a lasciare scoperte le braccia e le spalle. 

Punti di attacco e spessore del parabrezza

I parabrezza più diffusi possono avere 2 o 4 punti di attacco. Quelli con solo due punti di attacco sono di solito più economici e più facili da montare, per contro tenderanno a essere meno stabili e vibrare con più intensità, vanno quindi fissati con molta attenzione. Quelli con quattro punti di attacco sono un po´ più cari, ci vuole un po´ di impegno per montarli, ma risulteranno più saldi e stabili. Il materiale della maggior parte dei parabrezza, come dicevamo, è il Plexiglas, la differenza quindi, la fà lo spessore. I modelli più economici misureranno qualche millimetro in meno, saranno più leggeri e vibreranno un po´ di più. 

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda