Palline da collezione

Le palline da golf rientrano di diritto tra gli accessori più importanti di questo sport, assieme alle mazze e ai tee. Molte sono le palline che hanno fatto la storia, solcando i campi dei tornei più prestigiosi e venendo colpite da giocatori del calibro di Tiger Woods, Rory Mcllroy e Francesco Molinari.

Come scegliere le migliori

Le palline da golf presentano una conformazione sferica e sono ricoperte da speciali fossette a forma pentagonale o esagonale presenti su tutta la superficie, in modo da ridurre la resistenza all’aria e renderle più aerodinamiche. Un maggiore numero di fossette corrisponde, almeno potenzialmente, a un tiro migliore, più alto e lungo rispetto alla media. In genere, i professionisti riescono a spingere le palline a oltre 300 km/h, facendole volare per più di trecento metri. Secondo quanto decretato dalla USGA, associazione golfistica riconosciuta a livello mondiale, il peso delle palline non deve superare i 45,93 grammi e il diametro deve essere pari o superiore a 4,26 centimetri.

Le palline più comuni, destinate ai dilettanti, sono realizzate in gomma e plastica: questi materiali consentono di risparmiare sul prezzo dell’accessorio e aiutano a ridurre gli errori più comuni, come lo slice. Ai giocatori professionisti sono invece destinate le palline dotate di un nucleo contenente un gel liquido o solido. Nel primo caso, il nucleo liquido permette di dare spin a una distanza minore con una maggiore precisione nel tiro. Al contrario, un nucleo solido favorisce i tiri lunghi, mantenendo sulla lunga distanza sia spin che tocco. Tuttavia, si riduce la precisione per i giocatori meno esperti.

Palline usate e rigenerate

In commercio si possono trovare numerose palline da golf usate e rigenerate, generalmente recuperate dal fondale dei laghetti presenti nei campi da golf, abbandonate accidentalmente su un cart o nelle tasche di una sacca da golf. Si tratta di prodotti molto economici, ad esempio ci si può aggiudicare un set da 20 con solo 1 €. Non mancano infine le palline realizzate per contrastare particolari condizioni atmosferiche o di campo, quali la pioggia e il fango. Le palline più dure, prodotte utilizzando materiali quali il surlyn, sono adatte a chi vuole ottenere una maggiore distanza a discapito del controllo. Al contrario, le palline più morbide sono pensate per i giocatori professionisti, in grado di controllare al meglio ogni singolo tiro.

Sul mercato si possono inoltre trovare palline vintage e da collezione, realizzate per celebrare un particolare evento o utilizzate dai campioni del golf nelle competizioni ufficiali, e dunque contraddistinte da un prezzo maggiore rispetto alla media. Le palline da collezione più ricercate possono infatti superare con facilità i 300 €.