La lunga storia del modellismo ferroviario

La passione per i modellini dei treni è contemporanea alla nascita del treno stesso. Ne esistevano pensati per promuovere l'innovativo nascente mezzo di trasporto che presto entrano a far parte della collezione di giocattoli e modellismo dei più abbienti.Anche i bambini meno ricchi però possono giocare con un trenino, che allora era costruito in stagno, sostituito oggi dal più comune ottone o plastica. I modelli più sofisticati erano alimentati a vapore vivo, ma la maggior parte aveva il classico filo per il traino.
Dalla fine del XIX secolo in poi, la produzione di modelli in scala ha subito tanti cambiamenti, fino ad arrivare agli anni '50 del secolo scorso in cui i produttori sentono l'esigenza di stabilire uno standard valido per tutti gli articoli di modellismo ferroviario.

Lo standard internazionale e la scala N

Gli articoli di modellismo ferroviario scala N entrano nel mercato negli anni '50 e '60. La produzione di modelli diviene più complessa e articolata e tanti desiderano costruire plastici articolati e ricchi.La scala N si riferisce al numero nove, nome usato perché ha la stessa iniziale in tanti paesi europei, e indica lo scartamento, cioè la distanza, di 9 mm tra le rotaie.Qui la scala di rappresentazione, il rapporto tra le dimensioni reali e quelle del modellino, è di 1:160. Lo standard è stabilito secondo le Norme Europee di Modellismo Ferroviario, NEM, che stabilisce il criterio di costruzione delle varie componenti per garantirne la compatibilità e permettere ai collezionisti di espandere i propri plastici senza limiti, che si scelga di costruire modelli ultramoderni o i vecchi modelli a controllo analogico.

Da dove iniziare

Ogni collezione ha un principio così procurarsi i giusti pacchetti e starter kit di modellismo ferroviario in scala N permette di dar vita a una collezione appassionante e stimolante.In una scatola di partenza non possono mancare alcuni elementi base, i binari necessari per comporre un ovale o un cerchio, la locomotiva con uno o due carri, che possono essere passeggeri o merci, e, immancabile, un trasformatore. La spesa varia in base alla composizione del set o alla marca scelta (da 70 € a 500 €).Che si voglia usare un modellino nuovo fiammante, oppure uno antico e rimesso a nuovo, non importa. Quello che conta è assicurarsi di rispettare lo standard indicato. La scala N è ideale per gli adulti anche se va bene specie se non si ha troppo spazio in casa da dedicare esclusivamente al plastico.
 

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda