Strumenti musicali: l’organo

Nato dall’evoluzione di uno strumento presente già in età classica, tra tutti gli strumenti musicali l’organo è quello che spesso e volentieri viene associato alla musica sacra. È infatti in chiesa che trova il suo più largo utilizzo. Tuttavia, la sua presenza nelle orchestre, anche come solista, è diffusa in tutto il mondo.

Subì importanti modifiche nel corso del Medioevo, ma è durante la prima metà del Novecento che avviene una piccola rivoluzione. Laurens Hammond, un orologiaio statunitense, creò un nuovo strumento che sarà poi destinato a portare il suo nome. L’organo Hammond genera il suono attraverso l’induzione elettromagnetica e l’effetto finale ricorda quello dell’organo classico.

L’organo Hammond entra a far parte della scena musicale moderna negli stili più vari. Il suo inconfondibile suono viene consacrato negli anni ‘70 da gruppi come i The Doors e i Deep Purple.

La sua diffusione nel corso del tempo ha fatto sì che il mercato dell’usato sia oggi in grado di offrire strumenti in ottime condizioni e a prezzi convenienti.

Modelli e prezzi

Un organo elettrico nuovo può anche essere di tipo liturgico, cioè in grado di riprodurre il suono dell’organo classico utilizzato in chiesa.

La prima tipologia prevede delle tastiere classiche e portatili che riproducono al meglio il suono dell’organo classico. L’organo Hammond nella sua forma originale è senz’altro più ingombrante e dotato di una scocca in legno.

Per la prima tipologia, effettuando un’accurata ricerca tra le proposte dell’usato, 300 € potrebbero essere sufficienti per un organo liturgico in buone condizioni.

L’azienda Farfisa, da parecchi anni produttrice di ottimi strumenti musicali, ha creato il modello CH32, di tipo liturgico, dotato di due tastiere, 61 note e pedaliera da 32 note, che oggi si può acquistare usato a meno di 500 €.

Un originale Hammond, nella sua versione portatile del 1976, se in perfette condizioni può valere una cifra compresa tra 1.000 € e 2.000 €.

Yamaha ha prodotto diverse versioni di organi elettronici con il marchio registrato Electone, con le versioni più recenti completamente digitali. I modelli degli anni ‘80 sono dotati di un cassone in legno, capaci di riprodurre diversi registri e i classici ritmi incorporati. Non è raro trovarne in buone condizioni per cifre che si aggirano intorno ai 300 €.

Gli Electone sono stati prodotti dal 1968 fino al 1998, con l’ultimo modello, l’Electone EL 900, acquistabile in ottime condizioni a un prezzo compreso tra 1.000 € e 3.000 €.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda