Orecchini antichi: una luce ricca di evocazioni

I gioielli antichi hanno un fascino unico: oltre a rendere radioso e raffinato chiunque li indossi, sono un oggetto di culto per i collezionisti e spesso, anche un buon investimento. Gli orecchini d’antiquariato, sia che vengano acquistati per essere indossati che per essere esposti in una teca, trasporteranno chi li osserva in epoche lontane. Rispetto ai materiali, al design, al prezzo e al marchio non c’è che l’imbarazzo della scelta. I prezzi partono da meno di 20 € per arrivare a superare i 10.000 €.


Orecchini antichi: come riconoscerli, sceglierli, indossarli

Le origini degli orecchini come ornamento si perdono in tempi piuttosto lontani. Ad ogni modo, oggi i più diffusi e ricercati sono quelli realizzati soprattutto nei due secoli passati.Nell'800 gli orecchini preziosi erano di norma realizzati in oro o argento, spesso in filigrana. Il più delle volte erano arricchiti da pietre preziose.Il novecento fu un secolo ricco di creatività in ogni campo.Tra il 1900 e il 1940 infatti, due correnti artistiche in particolare influenzarono il mondo dei gioielli. Si tratta dell’Art Nouveau e dell’Art Deco, il cui design geometrico è tornato in auge ed è stato molto imitato negli ultimi anni. Chi sta cercando gioielli ricchi di gemme, disposte a formare disegni di animali o fiori, dovrebbe cercare tra gli orecchini a partire dal dopoguerra e per tutti gli anni 50. In quest’epoca era molto di moda anche acquistare parure che comprendevano collana, bracciale e orecchini.Coloro che prediligono gli orecchini in oro bianco e gli appassionati di gioielli antichi di bigiotteria, possono trovare ciò che cercano a partire dagli anni ‘60. Gli amanti dell’eleganza discreta possono trovare molti modelli di loro gusto tra i lavori degli anni ‘70 e ‘80, ventennio che ha visto prediligere i gioielli poco vistosi.Una volta stabilito lo stile verso cui orientarsi sarebbe bene poter verificare, almeno a grandi linee, l’autenticità degli orecchini.Senza un orafo esperto è difficile farlo, ma un trucco potrebbe essere controllare la punzonatura, cioè il numero che indica i carati dell’oro (solitamente 750, ma anche 375, 500 o 585) e dell’argento (800 o 925). Al riguardo è sufficiente sapere che i prodotti punzonati sono sicuramente successivi al Novecento, perlomeno nei paesi occidentali.  Per indossare gli orecchini antichi valgono, di norma, le stesse regole valide per quelli moderni. L’orecchino cioè, deve essere discreto di giorno e appariscente di notte. Oltre a questo, deve compensare la forma del viso; per esempio, su un viso squadrato l’orecchino ideale è tondeggiante, su un viso a cuore invece è a goccia, e così via.