Oli per cambio e differenziale per veicoli: analogie e differenze coi lubrificanti per motore

Mentre tutti sanno cos’è l’olio per motore, l’esistenza di un apposito prodotto per lubrificare il cambio dei veicoli è meno nota. Eppure, la funzione resta la stessa: proteggere e garantire una costante lubrificazione degli ingranaggi meccanici più complicati e delicati della trasmissione, oltre a dissipare il calore che si forma durante l’esercizio. Analogamente a quelli per motore, troviamo diverse tipologie di oli: minerale, semisinteticoe sintetico. La differenza principale resta comunque nel fatto che, in questo caso, non si procede al cambio annuale, ma semplicemente al controllo del livello e all’eventuale rabbocco e ripristino. Data la delicatezza che riveste questa operazione ai fini della sicurezza, se non si è più che esperti è consigliabile rivolgersi al proprio meccanico di fiducia. Il vero e proprio cambio si effettua invece intorno agli 85.000 km.

Il costo del cambio dell’olio: come risparmiare

Analogamente all’olio lubrificante per il motore, si può risparmiare sul cambio dell’olio per il differenziale acquistando confezioni più grandi. Infatti, anche in questo caso i produttori applicano degli sconti di quantità, per cui spesso 10 litri d'oliocostano proporzionalmente meno delle confezioni da 1 litroo da 5 litri. Il vero risparmio si ottiene però sulla manodopera, approfittando delle promozioni che vengono offerte di tanto in tanto da autofficine, distributori e concessionari. I prezzi variano da circa 9 € per arrivare anche a 20 € per le confezioni da un litro. Tuttavia, i costi si impennano se aggiungiamo i compensi del meccanico, partendo da circa 50 € per arrivare in certi casi anche a 200 €. Per quanto riguarda lo smaltimento degli oli usati, questo tipo di lubrificante va conferito secondo le modalità di legge a particolari aziende autorizzate, data la sua potenziale tossicità per le persone e l’ambiente, a pena di sanzioni anche penali.

Minerale, sintetico o semisintetico?

In generale, i lubrificanti sintetici assicurano migliori prestazioni (a fronte ovviamente di un prezzo più alto), ma molto dipende anche dalla marca, dalla formula e dagli additivi. In ogni caso, ricordiamo che è sempre necessario seguire le prescrizioni del produttore del veicolo, fornite sul manuale di istruzioni. Tra le marche di oli più conosciute troviamo Castrol, Motule Red Line. Ricordiamo infine che esiste una differenza tra oli per cambio automatico e lubrificanti per cambio manuale, nel senso che, essendo più delicati, i primi hanno bisogno di un prodotto specificatamente studiato (i cosiddetti oli ATF) che offra prestazioni superiori, sia in termini di viscosità che di proprietà antischiumogene.