Musicassette: il ritorno di una moda

Dopo il ritorno del vinile, assistiamo ora a quello delle musicassette. Molto in auge dalla metà degli anni ‘60 fino alla metà degli anni '90, hanno poi subito un rapido declino. A partire dal 2016, le vendite hanno però subito una crescita inaspettata. Esistono i più svariati generi di musicassette: per bambini, di colonne sonore, di musica pop o rock, le compilation, ecc.

Possiamo dire che gli anni '80 sono tra i più prolifici in quanto a produzione. Oggi si possono trovare musicassette di diversi generi e in diverso stato: nuove, usate ma ancora funzionanti, in ottime condizioni, ecc. I prezzi vanno da 1 € fino a oltre 200 €.

Storia e rivincita delle musicassette

La musicassetta è un supporto fonografico a nastro magnetico. È formata da due bobine, utilizzate per registrare o ascoltare musica, per un totale massimo di 90 minuti.

Le musicassette vennero immesse nel mercato europeo a metà degli anni ‘60 e il loro successo fu rapido per varie ragioni: il prezzo era basso, erano facili da usare, facilmente trasportabili grazie alle piccole dimensioni, il loro contenuto poteva essere copiato. Ma fu con l’introduzione del formato ad alta fedeltà TDK che si aprì la strada del loro successo. Potevano essere usate ovunque: per strada, in macchina, in casa, al mare. Fu per tutte queste ragioni che le musicassette amatoriali si diffusero rapidamente nell’ambiente musicale.

Per i musicisti era più semplice ed economico produrre una musicassetta con i nuovi brani, invece di produrre un disco in vinile. In particolare erano i gruppi punk e hardcore che ne promuovevano la diffusione. Erano comunque anche promosse da artisti universalmente noti, come Bruce Springsteen e Prince. Verso la fine degli anni ‘90, le musicassette iniziarono a perdere la loro popolarità per lasciare posto ai cd, grazie ai quali si potè sopperire ai fruscii di sottofondo e all’inceppamento del nastro.

Oggi, le nuove musicassette sono dotate di un codice per il download digitale dell'album, per coloro che non possiedono un apposito lettore. Artisti come Justin Bieber o i Purpose, in grado di influenzare il mercato mondiale, hanno prodotto album anche nel formato di musicassetta. Inoltre, l’uscita di riedizioni speciali in musicassette di alcuni album come Purple Rain e Slim Shady, ha pure contribuito a promuoverne la vendita.

Esistono in commercio apparecchi molto versatili, che permettono di ascoltare i dischi in vinile, di leggere musicassette o cd e di convertire poi il tutto in mp3.

Alla celebrazione delle vecchie cassette è stato dedicato uno specifico giorno dell’anno: si tratta del “Cassette Store Day”, introdotto dagli appassionati per sostenere il formato.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda