Motori per imbarcazioni: per chi vuole il massimo dalla propria barca

Chi se ne intende di nautica e imbarcazioni sa che quando si compra una barca, oppure un gommone, a volte può succedere che il motore non sia compreso e che sia venduto separatamente. Il motore è un pezzo fondamentale dell’imbarcazione e bisogna saperlo scegliere accuratamente in base al tipo di barca che si possiede. Il prezzo di questi accessori è sicuramente elevato, in quanto si tratta di un componente basilare, e si attesta generalmente tra i 400 € e i 900 €, ma troviamo anche prezzi più alti per motori più potenti. Si possono trovare in commercio anche motori usati e, in questo caso, il prezzo massimo scende intorno ai 500 €. Ci sono poi altri oggetti che possono rivelarsi utili durante un viaggio in barca, come i ricambi per motori di imbarcazioni, il cordame e gli articoli per l’ormeggio, le vele e attrezzature per imbarcazioni, o anche l’attrezzatura di coperta

Che tipi di motori si trovano in commercio e quale dobbiamo scegliere?

Dobbiamo innanzitutto capire quanto è grande l’imbarcazione su cui andremo a montare il motore. Se per esempio si tratta di una barca di piccole dimensioni o di un gommone, bisognerà acquistare un motore fuoribordo. Questi motori si dividono in due categorie: a due tempi e a quattro tempi. Il numero dei motori a due tempi sta diminuendo, a causa dell’inquinamento che provocano: vengono alimentati da una miscela di olio e benzina e questo genera il tipico fumo grigio maleodorante che emanano i motori di questo tipo. Esistono anche motori fuoribordo a quattro tempi, meno inquinanti e certamente più efficienti dal punto di vista dei consumi. I motori entrobordo a quattro tempi vengono invece usati sulle imbarcazioni più grandi. Si differenziano dai motori delle automobili in quanto non esiste la frizione e il sistema di raffreddamento e il sistema di trasmissione funzionano in modo diverso. Quest’ultimo si compone di un invertitore che unisce l’albero motore all’asse dell’elica, insieme a un giunto cardanico e a un parastrappi. A volte, se l’asse è molto lungo, viene anche aggiunto un supporto vicino all’elica per evitare eccessive vibrazioni. Nei motori a quattro tempi, esiste anche un altro tipo di trasmissione chiamato “S Drive”, impiegato soprattutto nelle barche a vela. Questo tipo di trasmissione risulta più facile da installare e riesce a mantenere l’elica in una posizione più centrale rispetto allo scafo.Sia i motori fuoribordo che entrobordo vengono raffreddati tramite l’acqua di mare, grazie a delle prese posizionate sullo scafo attraverso cui l’acqua viene pompata nel motore. È inoltre importante assicurarsi che la propria barca sia provvista delle dovute dotazioni di sicurezza per imbarcazioni.
 

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda