Monete antiche greche: piccoli gioielli della numismatica

Tra le categorie di monete antiche più ricercate dagli appassionati di numismatica vi sono le monete antiche italiane, le monete antiche romane e le monete antiche greche. Queste ultime sono particolarmente apprezzate dai collezionisti per via del grande pregio delle incisioni riportate sulle due facce.

Le monete antiche greche possono raggiungere anche quotazioni molto alte, talvolta superiori ai 10.000 €, e decisamente superiori a quelle di altre monete di altri periodi storici. Ciò è dovuto al fatto che, a differenza delle monete antiche di altri periodi, la manifattura delle monete greche è molto pregiata e le rende di fatto dei manufatti di grande valore artistico che sono giunti sino ai giorni nostri attraverso secoli e secoli di storia.

La quotazione di tali monete dipende essenzialmente da tre fattori: le condizioni di conservazione generali, la rarità della moneta e il periodo di appartenenza. Fra le monete greche che raggiungono le quotazioni più alte ci sono ad esempio quelle appartenenti al Regno di Macedonia, risalenti al 300 a.C. circa.

Ne esistono numerosi esemplari ancora in circolazione e grazie ai collezionisti il mercato di questi oggetti è sempre molto dinamico. Le monete in vendita hanno prezzi che vanno da 1 € per una classica moneta greca di bronzo fino a 15.000 € per una pregiatissima moneta rara proveniente dall’isola di Chio.

Monete antiche greche: come riconoscere le più pregiate

I collezionisti di monete e banconote sanno bene che ogni moneta è diversa dall’altra e che ci sono alcuni parametri che possono far aumentare o abbassare il prezzo di una moneta anche di migliaia di euro.

Dunque, saper riconoscere e valutare una moneta greca è importantissimo per tutti i collezionisti di questi preziosi oggetti. Queste monete si suddividono innanzitutto in tre categorie, a seconda della loro collocazione temporale. Infatti, sono giunte ai giorni nostri monete provenienti dal periodo arcaico, dal periodo classico e da quello ellenico. I diversi periodi storici hanno influenzato molto la manifattura delle monete, questo perché nel corso dei secoli le illustrazioni sono mutate sulla base delle differenti correnti artistiche.

Le monete del periodo arcaico erano meno curate e solitamente erano a forma di goccia.

Le monete del periodo classico, invece, sono ufficialmente riconosciute come quelle più curate dal punto di vista estetico e raffigurano su un lato il simbolo della città in cui sono state coniate, mentre sull’altro si trovano illustrazioni di eroi o divinità greche.

Infine, le monete del periodo ellenico raffigurano spesso le immagini dei regnanti del tempo in cui sono state coniate.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda