Ne hai uno da vendere?

Fallo vedere a milioni di acquirenti

Misuratore di potenza: strumento indispensabile per i ciclisti di oggi

I misuratori di potenza, introdotti sul mercato nel 1986, fino a qualche tempo fa erano articoli per ciclismo utilizzati solo da amatori fanatici o da atleti a livello agonistico e semi-agonistico. Negli ultimi tempi, invece, l’uso di questo strumento si è diffuso anche tra i cicloamatori di livello medio.

La funzione del misuratore di potenza per bici è appunto quella di misurare quanta potenza si sviluppa durante una pedalata: tale parametro è espresso in Watt (forza applicata dal ciclista per la frequenza di pedalata) e con una stima dello sforzo muscolare dell’atleta. I vantaggi nell’utilizzo di questo strumento sono diversi: il ciclista impara a conoscere e a gestire i carichi di lavoro e, se lo abbina a un cardiofrequenzimetro, ha la possibilità non solo di capire i propri limiti, ma anche come ridurre le fatica. Inoltre, poiché i dati sono archiviabili, può raffrontare i valori dei diversi allenamenti.

Modelli diversi per esigenze diverse

Quella dei misuratori di potenza (power meter, in inglese), è una categoria che comprende modelli anche molto diversi tra loro, sia per costo che per funzionalità. Si possono trovare strumenti che vanno applicati alla ruota posteriore, o alla pedivella, ai freni o sul movimento centrale.

Il Power Tap della CycleOps, per esempio, si applica sul mozzo posteriore della bicicletta ed è molto preciso; i misuratori della Garmin richiedono un settaggio iniziale e una calibrazione accurata prima di ogni uscita; il sistema Limits è invece tra i più economici ma è comunque abbastanza preciso. I prezzi sono abbastanza vari, e vanno da circa 100 € fino a oltre i 500 €. Per chi volesse risparmiare, si trova in commercio una vasta scelta anche di misuratori di potenza usati.

Come scegliere un Power Meter?

La scelta di un misuratore di potenza può essere ardua, soprattutto se non si è ancora molto esperti nel settore. Alcuni esempi possono aiutare a fare chiarezza. I misuratori braccio-pedivella utilizzano, appunto, gli estensimetri sul braccio della pedivella; alcuni misurano solo la potenza della pedalata a sinistra, altri su entrambi i lati. Hanno il vantaggio di poter fornire dati separati per ciascun lato.

I Power Meter perno-guarnitura hanno i sensori posti sulla guarnitura del perno della pedivella: misurano la potenza su un lato e la moltiplicano per due. Sono da citare anche i sensori che non si applicano a componenti della bici ma alle scarpe, che vengono posti nella suola della calzatura.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda