Piercing: una tradizione antica

I piercing hanno origini molto antiche. Al giorno d’oggi, uomini e donne di tutte le età utilizzano collane, orecchini e gioielli per decorare il loro corpo ma, in passato, i piercing avevano un’accezione del tutto diversa. In alcune culture questi oggetti erano sinonimo di ricchezza, per cui più piercing si avevano sul corpo, più alto era il proprio status sociale ed economico. Anche il materiale del piercing ricopriva un ruolo importante. Indossare gioielli realizzati con materiali preziosi come oro e argento era infatti segno di superiorità rispetto a chi portava dei gioielli in corno o in legno. In alcune culture, i bambini ottenevano un piercing al momento del passaggio alla fase della pubertà, simboleggiante la loro maturità fisica e intellettuale. In altri casi, il padre riceveva un orecchino sul lobo di un orecchio e la madre sull’altro, come simbolo della raggiunta indipendenza del figlio.

Strumenti e kit per professionisti

Per chi stia pensando di farsi il primo piercing, è buona pratica fare conoscenza con i kit e le strumentazioni utilizzate dal piercer per praticare il foro sulla pelle e inserirvi il gioiello. Gli strumenti per il piercing di alta qualità garantiscono un’esperienza priva di problemi, riducendo al minimo il dolore e le eventuali reazioni allergiche.

Tra gli oggetti più utilizzati spicca senza ombra di dubbio l’ago per praticare il foro, ovvero un piccolo tubicino di ferro cavo all’interno, generalmente dotato di una punta orientata in varie direzioni, a seconda del piercing che si intende indossare. Sul mercato si possono trovare aghi di diversi calibri, che rispecchiano la grandezza del gioiello da inserire nel foro. Il loro prezzo si attesta sui 10 € per i kit da venti aghi, ma può superare i 30 € per i prodotti dalla punta inclinata. Se il piercer deve invece praticare un foro sulla cartilagine, ricorrerà all’utilizzo di un ago più grande. Molti professionisti utilizzano inoltre una cannula in plastica, che permette di inserire il gioiello nel modo più rapido e semplice possibile.

Il dermal punch

Molto importante anche il dermal punch, attrezzo che aiuta a dilatare i fori delle orecchie, del labbro e del naso. Questo strumento rimuove completamente una parte di tessuto dal corpo, quindi il piercer che effettuerà l’operazione dovrà essere esperto e, soprattutto, essere in possesso di un’apposita certificazione. Il dermal punch viene inoltre utilizzato per applicare i piercing dermal, evoluzione dei classici piercing e che permette di praticare un foro in qualunque parte del corpo. Un kit da cinquanta dermal punch di varia grandezza costa attorno ai 100 €.