Cosa significa 1 o 2 DIN

I ricambi e accessori per veicoli non sono tutti uguali ma esiste uno standard che stabilisce in maniera univoca quali caratteristiche deve avere l'autoradio compatibile con la propria auto.

ISO, l'ente di riferimento internazionale nella definizione degli standard industriali, recepisce le indicazioni stabilite dal corrispettivo ente tedesco, DIN, unificando i parametri che le autoradio devono rispettare per poter essere commercializzate. Quindi 1 DIN è la misura base dell'autoradio, 7 per 2 pollici, che corrispondono a 150 mm in lunghezza contro 50 mm in altezza.

La misura 2 DIN altro non è che un doppio DIN che mantiene la stessa caratteristica in larghezza e raddoppia l'altezza.

In quest'ultimo formato rientrano le autoradio multimediali commercializzate di recente e che offrono una serie di funzioni interessanti che vanno oltre il semplice ascolto di musica.

Cosa non è stabilito dallo standard

Chi si diletta e segue gli aggiornamenti in campo GPS, audio ed elettronica per auto in generale avrà già notato che il trucco c'è. Lo standard non definisce la misura della profondità dell'autoradio e del vano corrispondente nel cruscotto. Seppure sia raro che le case produttrici, che si tratti di Toyota come di Opel o Ford, non rispettino lo standard convenzionalmente usato nella realizzazione delle automobili, è possibile che un modello risulti non perfettamente compatibile con la propria auto. Per questo è un buon consiglio accertarsi delle reali dimensioni prima di acquistare la nuova autoradio, così come si fa per qualsiasi altro ricambio e accessorio per il proprio veicolo.

Il bello del fai da te

Questa accortezza vale per le mascherine autoradio per auto. Seppure siano montate per bloccare la radio e non per incassarla all'interno del vano, hanno forme diverse a seconda del modello e delle funzioni del dispositivo. È bene assicurarsi di scegliere i ricambi originali o accertarsi di scegliere quelli esattamente compatibili per consentire un fissaggio fermo e perfettamente calzante.

Chi preferisce dilettarsi montando da sé autoradio e frontalino, o il lettore DVD per intrattenere i passeggeri, deve anche avere una certa dimestichezza con l'elettronica di base. La cablatura deve spesso attraversare tutto l'abitacolo, specie quando allo schermo è collegata la retrocamera e le soluzioni per fare questi assemblaggi possono essere ostiche a chi ha poca manualità.

Di certo il costo per la sostituzione di questo pezzo è molto contenuto e chi ha la facoltà di far da sé può risparmiare parecchio rispetto all'intervento di un tecnico (da 4 € a 40 €).

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda