Mappe antiche da collezione

L’arredamento e gli oggetti d’antiquariato contribuiscono a rendere la propria casa unica ed elegante, con mobili pregiati e pezzi molto apprezzati dai collezionisti. Gli appassionati sono spesso disposti a spendere cifre elevate per aggiungere nuovi articoli d’antiquariato alla loro collezione, tutti accomunati dal fatto di appartenere a un’altra epoca. Le mappe antiche, in particolare, rappresentano una gradita aggiunta alle pareti della propria abitazione o del proprio studio o ufficio, magari già ricco di libri antichi e mobili di pregio.

Arredare la casa con mappe antiche

Le mappe e le cartine antiche, nate per condividere le esplorazioni, le scoperte e il sapere di ogni epoca, ben si sposano con un arredamento dai toni ottocenteschi, con mobili dalle linee semplici e funzionali, decorati con rettangoli, losanghe e arabeschi. Sono adatte anche ad accompagnare lo stile Liberty, molto apprezzato in Italia, che coniuga linee esili a decorazioni floreali, donando ad armadi, scrivanie e tavoli un aspetto elegante e ricercato.

Le mappe e le cartine antiche, disegnate da abili esploratori durante i loro lunghi viaggi per terra e per mare, alla ricerca di nuove terre inesplorate, seguono lo sviluppo urbanistico dei vari continenti, definendone in modo sempre più preciso i contorni. La più antica mappa mai trovata nel mondo occidentale, risalente al 500 a.C., è custodita nel museo archeologico di Taranto. La reliquia, conosciuta come “Mappa di Soleto”, ritrae il basso Salento ed è stata realizzata su un coccio di terracotta di colore nero, grande quanto un francobollo. I nomi dei luoghi sono incisi e indicati da punti, proprio come nelle odierne mappe, e scritti in greco antico. Il resto della mappa invece è in Messapiano, l’antica lingua delle tribù locali. Molte delle tredici città segnate sulla mappa, tra cui Otranto, Soleto e Ugento, esistono ancora oggi.

La maggior parte delle mappe classiche esistenti risale all’epoca romana, dopo la nascita di Cristo. La Mappa di Soleto rappresenta dunque una preziosa testimonianza per il mondo antico, che attesta l’importante influenza della civiltà greca sugli usi e costumi del popolo italico, soprattutto sulle coste del Mare Adriatico.

Le mappe italiane

Le mappe dell’italia sono senza alcun dubbio tra le più ricercate, soprattutto se relative alla propria città o regione di appartenenza. Le cartine antecedenti l’unità d’Italia, datata 1861, raffigurano una nazione ancora divisa da barriere politiche e culturali, con dati e dettagli ben diversi rispetto al periodo contemporaneo. Molto apprezzate anche le mappe straniere, che conferiscono una visione d’insieme riguardante la situazione politica nel resto del mondo antico. I prezzi delle cartine d’antiquariato partono dai 10 € per i manufatti più comuni, ma superano con facilità i 400 € per gli oggetti più rari e ricercati.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda