La rappresentazione del globo terrestre: il mappamondo

La scoperta dell’America nel 1492 è una tappa fondamentale per il passaggio ad una visione del nostro pianeta come una sfera. Allo stesso anno - e prima del ritorno di Cristoforo Colombo al Vecchio Mondo - risale il primo mappamondo della storia giunto fino ad oggi, l’Erdapfel, cioè “mela terrestre”. Costruito dal navigatore e cartografo tedesco Martin Behaim a Norimberga, è un globo di lino laminato in due metà, rinforzato con legno e ricoperto con un mappa dipinta da Georg Glockendon che non comprende ancora le Americhe.

Queste compaiono con dettagli ancora vaghi nell’esemplare scoperto in anni recenti e risalente all'inizio del 1500. Si tratta del più antico mappamondo completo di tutte le terre emerse a noi pervenuto, realizzato unendo insieme la parte inferiore di due uova di struzzo. Sulla mappa sono presenti 71 nomi: in corrispondenza dell’America meridionale figurano le diciture Mondus Novus, terra de Brazil e Terra Sanctae Crucis, mentre il sud est asiatico è identificato dalla scritta Hic sunt dracones.Il mappamondo è ancora oggi una rappresentazione affascinante del nostro globo terrestre, utile per insegnare la geografia ai bambini e raffinato oggetto d’arte se realizzato artigianalmente o appartenente ad un’epoca remota. Il globo terrestre di Norimberga, in scala 1:40 milioni, è ancora oggi il modello di riferimento per i moderni mappamondi.


Mappamondi antichi e moderni

Quelli utilizzati a scopo didattico sono generalmente in plastica, possono essere anche luminosi - fungendo così da lampada notturna per la camera dei bambini - e possono riportare determinate caratteristiche come i confini - per un mappamondo politico - o i rilievi geologici.La sfera che rappresenta il globo è solitamente montata su un supporto che ne regola l’inclinazione secondo l’asse terrestre in modo più realistico possibile.I mappamondi ornamentali fanno parte di tutti quegli articoli di arte e di antiquariato capaci di rendere unica ogni stanza della casa. I più pregiati sono in legno, come il famoso e costosissimo mappamondo “Colosso” dell’italiana Zoffoli, da 10.000 € ad oltre 12.000 €, ma esistono esemplari dei più diversi tipi e materiali, nuovi o usati, come quelli artigianali in pietre preziose (250 €) o in ottone e onice, o quelli dotati di lente d’ingrandimento incorporata.Particolarmente sofisticate ed esteticamente gradevoli sono le sfere armillari, che rappresentano le orbite solide dei pianeti e del Sole mediante armille (cioè anelli). Ne esistono modelli in legno o in metallo (ottone), con prezzi sui 30/50 €. Se cercate un’idea originale, dai 100 € ai 600 € potete acquistare un mappamondo bar, splendido per stupire amici e parenti.
 

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda