Il Galles tra calcio e rugby

Il Galles è una delle quattro nazioni che, insieme a Inghilterra, Scozia e Irlanda del Nord, costituiscono il Regno Unito. Mentre alle Olimpiadi la Gran Bretagna si presenta sotto un’unica bandiera, nel calcio e in tutti gli altri sport di squadra, ogni paese ha il proprio team nazionale.

Lo sport più popolare in Galles è il rugby, questo gioco è insegnato sin dalla scuola primaria a tutti i bambini; ma anche il football, pur con alterne fortune, rappresenta un pezzo importante della storia sportiva di questo piccolo Paese.

Fortune calcistiche dei “dragoni”

La nazionale gallese ha partecipato una sola volta al Campionato del Mondo, nel lontano 1958, edizione che si tenne in Svezia. Punta di diamante di quella squadra era un certo John Charles, un nome ben noto ai vecchi tifosi juventini che ancora ricordano le sue prodezze nel campionato italiano con la maglia bianconera. In quella occasione il Galles arrivò sino ai quarti di finale, dove venne sconfitto dal Brasile di Pelé, che poi vinse la coppa Rimet.

Dopo lunghi anni di black out, la nazionale dei “dragoni” è tornata agli onori della cronaca nell’ultima edizione dei Campionati Europei di calcio, dove è giunta sino alle semifinali.

Le maglie da calcio delle squadre gallesi

Le squadre di club più famose e blasonate sono lo Swansea e il Cardiff; nessuna delle due milita però nel campionato gallese. A questa manifestazione, istituita nel 1992, non aderiscono ben sei squadre, che hanno optato per l’iscrizione alla lega inglese.

Al giorno d’oggi gli introiti di una società calcistica dipendono fondamentalmente da tre fattori: i biglietti venduti, la cessione dei diritti televisivi e il merchandising legato al marchio della squadra. Maglie da calcio, sciarpe, abbigliamento tecnico, ma anche tazze, penne, cappellini, e un’infinità di gadget con i colori e i simboli della squadra in questione. Lo Swansea, che milita nella Premier League inglese, veste un completo interamente bianco per le partite casalinghe, e uno rosso per quelle in trasferta. Il Cardiff, invece, dopo una fugace comparsata nella massima serie, è retrocesso in Championship, l’equivalente della serie B italiana; la divisa è blu quando si esibisce tra le mura amiche e rossa fuori casa.

Le maglie della propria squadra del cuore possono essere acquistate singolarmente, oppure abbinate ai pantaloncini e ai calzettoni. Non solo quelle delle più importanti squadre gallesi, ma anche di quelle francesi, tedesche e delle nazioni calcisticamente più importanti di tutto il mondo.

I prezzi per una maglia vanno dai 20 € per una maglia non ufficiale, ai 120 € per una maglia del merchandising dei club più prestigiosi.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda