Cose che un DJ dovrebbe conoscere: diffusione della musica

A partire dalla metà del Novecento, con lo sviluppo della radio e della televisione, la musica diventa fruibile per tutti da casa. Fino ad allora era impensabile ascoltare un’esibizione audio registrata senza recarsi nei caffè e nei teatri in cui si tenevano regolarmente concerti. A partire dagli anni ‘60 si ha la diffusione a livello mondiale degli LP e dei CD musicali: il grande passo che permette a chiunque di selezionare personalmente il repertorio musicale da ascoltare grazie all’utilizzo di un semplice lettore CD. Dalla fine degli anni ‘80 in poi, è possibile portare la propria musica preferita con sé ovunque; in questi anni si ha infatti la diffusione del lettore CD portatile. Anche se ai giorni d’oggi è possibile ascoltare brani direttamente dal proprio smartphone, la qualità di un file riprodotto con il lettore giusto è superiore; ci sono poi alcune professioni, ad esempio quella del DJ, in cui la conoscenza del mondo musicale non può fermarsi a una sola tipologia di file.

Tipi di file audio e supporti per l’ascolto

Le tracce musicali possono essere codificate in vari formati e per ciascun tipo di file è predisposto un supporto su cui ascoltare la musica. I lettori CD audio, più datati, riescono a riprodurre unicamente tracce audio, mentre i più moderni lettori CD portatili supportano anche la funzione di lettore WMA (windows media audio) e vari altri formati introdotti con la diffusione del computer. Alcuni dispositivi stereo tra i più completi sono dotati di una presa USB per ascoltare le tracce direttamente dalle unità di archiviazione per PC e integrano alla funzione radio quella di lettore mp3. Per vivacizzare l’atmosfera in occasione di una festa o rendere familiare l’ambiente in un negozio, si può optare per un modello portatile ma munito di casse.

Brand e prezzi

I DJ che hanno una vasta collezione di CD audio possono trovare interessante qualche modello vintage tra i primi lettori CD Sony e Philips, mentre chi ama godersi la musica in intimità, passeggiando in strada o in treno ma senza rinunciare alla qualità di un buon CD, può affidarsi ai modelli più piccoli da utilizzare con le cuffie in dotazione o scegliere le proprie tra gli accessori per lettori e radio portatili. La fascia di prezzo varia dai 15 € circa dei lettori più semplici fino a oltre 100 € per registratori digitali. Coloro che possiedono già un lettore CD a cui magari sono legati o i collezionisti che si dilettano nel riassemblaggio dei pezzi vintage possono valutare l’acquisto di dispositivi danneggiati da cui ricavare pezzi di ricambio (prezzi da 1 € a 50 € circa).

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda