Lampade da illuminazione da interno: risparmio e design in pochi centimetri

L’illuminazione degli interni delle nostre case è un elemento essenziale e si cerca di coniugare design, idee di arredamento e risparmio energetico.Come ogni scelta di consumo la preferenza verso una tipologia o un’altra di lampadina da interno è dovuta ad esigenze prestazionali, tecnologiche e di tipologia di luce, ma di sicuro i consumatori ultimamente preferiscono orientarsi verso lampadine a risparmio energetico, assicurandosi così un taglio delle bollette dell’elettricità.È soprattutto per questo motivo, oltre che per via di una direttiva europea che richiede l’estinzione progressiva delle lampadine ad alto consumo, se negli ultimi anni è cresciuta in modo esponenziale la diffusione delle lampadine LED per l’illuminazione domestica al posto delle lampade cosiddette ad incandescenza, visto il consumo di soli 3 o 4 watt l’ora. Tra le che marche che danno maggiore affidabilità ci sono sicuramente Osram e Philips. I prezzi possono variare da 0.50 € per una classica lampadina a incandescenza fino ai 20 € per soluzione più sofisticate, ecologiche e durature.

Lampadine per l’illuminazione domestica: tipologie e come sceglierle

Sono tante le variabili da valutare nel decidere l’illuminazione ottimale per la propria casa, sia per quanto riguarda la tipologia delle lampade sia per l’eventuale risparmio energetico, nonché per la marca da acquistare in base all’assortimento di modelli fornito.Ulteriore criterio di scelta è la tonalità della luce prodotta, che si può preferire calda o fredda.Seguendo il criterio tecnologico, sono tre le principali tipologie di lampadine da interno, senza considerare le lampade ad incandescenza, che sono state vietate dal settembre 2012: alogene, fluorescenti compatte e LED.Le lampade alogene presentano una luce nitida e brillante, sono un aggiornamento della classica lampada ad incandescenza con il filamento di tungsteno e hanno maggiore efficienza energetica senza tempi di riscaldamento.Le lampade fluorescenti compatte, invece, presentano  dimensioni e tonalità di luce simili a quelle delle lampadine ad incandescenza, eppure possono vantare un’efficienza luminosa e una durata notevolmente superiori persino rispetto alle alogene; sono rivestite internamente da una polvere di materiale incandescente. Infine ci sono le lampadine led, sigla inglese che sta per Light emitting Diode, in notevole crescita di richieste e ordini, estremamente versatili, con una durata di funzionamento fino a 50.000 ore, permettendo un risparmio di emissione e in bolletta davvero consistente.Oggi i LED sono utilizzati principalmente nell’illuminazione decorativa di piazze, palazzi e monumenti, ma sta aumentando la vendita al dettaglio di lampadine a LED per uso domestico, le quali consentono di risparmiare, a parità di luce emessa, fino all’80% di energia elettrica rispetto a una normale lampada a incandescenza.
 

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda