Illuminazione artificiale per fotografia e video: tipi di illuminatori

L’uso degli illuminatori è fondamentale nella realizzazione di un video o di una fotografia, per sopperire alla mancanza di luce, soprattutto in interni, o per ottenere un preciso effetto luminoso. Questi possono essere a luce continua o lampo (normalmente chiamati flash). Quelli a luce continua si dividono in illuminatori a luce diffusa (flood) e a luce concentrata. I primi hanno uno specchietto concavo posto sul fondo che muovendosi permette di allargare o restringere il fascio di luce, mentre i secondi, detti anche spot, utilizzano a questo scopo un sistema ottico di più lenti posto sul davanti. Alcuni presentano una speciale lente a cerchi concentrici in rilievo (lente di Fresnel) che evita gli effetti della dilatazione termica. I flood sono disponibili in varie fasce di prezzo: il più economico può costare intorno ai 13 €, mentre un attrezzo professionale può arrivare a oltre 200 €. Più omogeneo è il prezzo per gli spot, che si attesta tra i 70 € e i 100 €. In entrambi i casi influirà sul prezzo anche il tipo di lampada utilizzato da ciascun illuminatore.

Tipi di lampade

Le lampade per illuminatori possono essere a incandescenza, fluorescenza o LED. Ogni lampada ha delle caratteristiche che influiscono sulla sua resa, sarà bene quindi conoscerle per poter valutare quella più adatta al tipo di fotografia o video che si intende realizzare.

Le più utilizzate, soprattutto nel passato, erano le lampade a incandescenza. Queste offrono una buona qualità della luce, il colore è molto caldo, sono piuttosto economiche ma hanno un elevato consumo elettrico. Essendo lampade appunto a “incandescenza” si scaldano molto, per questa ragione non sono adatte all’utilizzo con alcuni accessori. Le lampade a fluorescenza producono una luce più simile a quella solare alla quale possono, quindi, essere miscelate più agevolmente, tuttavia non sempre hanno una buona resa della luce. Generalmente più costose e meno potenti delle lampade a incandescenza, consumano tuttavia meno elettricità e, producendo meno calore, sono più adattabili ai vari componenti. Attualmente si sta diffondendo sempre più l’utilizzo di luci LED; quelle di alta qualità sono ancora piuttosto costose, ma possono offrire un’ottima resa e hanno il pregio di poter essere facilmente utilizzate assieme a luci a incandescenza per abbassare la temperatura del colore. Sono, inoltre, corredabili di filtri e regolatori per perfezionare la luminosità.

I tipi di illuminatori in commercio sono moltissimi: Canon, Nikon e tutti i maggiori brand offrono una vasta scelta di articoli sia da studio che portatili. Se si preferisce spendere un po’ meno, è possibile trovare in vendita anche illuminatori usati d’occasione.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda