Giradischi vintage: il ritorno in grande stile del vinile

Con l´avvento della corrente hipster, la moda dello stile vintage si è riaffermata nei valori di riferimento, nell´abbigliamento e nella musica. I giradischi sepolti in soffitta sono stati quindi rispolverati e si è creato uno zoccolo duro di appassionati che hanno trovato nel sistema analogico e nel vinile un suono più caldo e avvolgente.

Come funziona un giradischi

Che siate hipster o meno, se siete interessati all´acquisto di un giradischi vintage su ebay, gli elementi essenziali da tenere in considerazione per un´esatta valutazione di un usato sono:

  • trasmissione indiretta a cinghia o trazione diretta;
  • piatto;
  • piedi d´appoggio;
  • braccio;
  • alzabraccio;
  • marca;
  • design.

La trasmissione indiretta collega il motore al piatto con una cinghia. Il vantaggio di questo sistema è la riduzione delle vibrazioni e quindi una riproduzione più fedele del suono, tuttavia la forza impressa alla rotazione è minore, e così anche la resistenza al braccio, rispetto alla trazione esercitata direttamente sul piatto. Di conseguenza, la cinghia dovrà essere sostituita regolarmente.

Il piatto dev´essere perfettamente dritto: qualunque incurvatura o difetto impedirebbe il corretto funzionamento e danneggerebbe il disco.

I piedi d´appoggio devono assicurare un´aderenza totale al piano su cui viene posizionato il giradischi, diversamente le vibrazioni distorcerebbero il suono e rovinerebbero il vinile.

Il braccio deve garantire un esatto bilanciamento del contrappeso, in modo da esercitare una corretta pressione sulla puntina, e deve essere anche dotato di un sistema antiskating, per contrastare la forza centripeta del motore.

L´alzabraccio può essere manuale o automatico. Quelli automatici sono raccomandati ai principianti che, non avendo ancora la necessaria abilità, potrebbero non appoggiare braccio e puntina con la necessaria delicatezza.

A garanzia di un buon giradischi vintage usato è la marca: Denon, Harman Kardon, Marantz, Onkyo, Pioneer e Sony sono le case produttrici che negli anni `80 realizzavano i giradischi vintage migliori.

La cura del design prese piede solo a partire dalla progettazione dei giradischi vintage anni `70. Questi, insieme a quelli realizzati nella decade successiva, sono quelli che mantengono un valore elevato anche se non più funzionanti.

Giradischi vintage o stile vintage

Alcuni modelli, come quelli vintage Auna, riproducono l´aspetto di un giradischi portatile a valigetta. Tuttavia, pur offrendo il vantaggio di una porta USB per la conversione, sono prodotti concepiti più per il riversamento che per l´ascolto e l´uso continuato.

Sono migliori i giradischi moderni o quelli vintage?

Il dibattito è acceso, si può tuttavia affermare che i modelli attuali hanno potuto approfittare dell´evoluzione della tecnologia digitale, per tale motivo devono essere realizzati con elementi costruiti da produttori diversi e quindi non necessariamente realizzati con la stessa cura e attenzione per i dettagli.

I giradischi degli anni `80 erano invece costruiti da case che si occupavano della produzione di tutte le parti e non dovevano assemblare componenti acquistate da terzi. La compatibilità nativa e la cura nella fabbricazione delle parti spingono quindi molti a preferire i sistemi Hi-Fi antichi.

Trattandosi di oggetti vintage, i prezzi oscillano: un giradischi vintage ha un costo variabile tra 100 e 2.000 €, ma alcuni possono superare i 10.000 €.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda