Acquario di acqua dolce o salata?

Non tutti sanno che l’acquario, oltre a dare colore ad una stanza, ha numerosi effetti sulla salute. Alcuni studi hanno dimostrato che guardare un acquario riduce la pressione sanguigna, migliora i processi di attenzione e aumenta il tono dell’umore. Esistono due diversi tipi di acquari, quelli di acqua dolce e quelli di acqua salata. I primi sono indicati per le persone meno esperte, i secondi per chi ha già una certa dimestichezza in questo campo. Infatti i pesci marini hanno bisogno di un acquario di almeno duecento litri, in quanto sono più sensibili alle variazioni ambientali che in un piccolo volume d’acqua si verificano con più facilità. L’acquario d’acqua dolce risente meno di queste problematiche ed è molto più semplice da gestire.

Allestire un acquario

Oltre ai filtri per acquari, alle luci e ai pesci, bisogna ricreare il fondale. La scelta è molto ampia in quanto in commercio si trovano diverse tipologie di ghiaia per acquari, da quella molto fine, uno o due millimetri, a quella grossa, da cinque o sei millimetri. I prezzi variano in funzione di diversi fattori, dalla marca alla quantità. Ad esempio venti chili di sabbia corallina che riproduce il fondale del reef costa circa 40 € mentre cinque chili di sabbia di medio spessore, marca Aqualine, ha un prezzo che si aggira intorno ai 7 €. Un chilo e mezzo di ghiaia e sabbia per fondali senza marca ha un prezzo inferiore ai 3 €.

Esistono anche fondali colorati, turchesi, marroni, neri, che se abbinati alle decorazioni per acquari ricreano dei bellissimi ambienti marini. Ghiaia, sabbia e fondali per acquari sono indispensabili per l’ossigenazione dell’acqua. La ghiaia è molto adatta a svolgere questa funzione, la sabbia anche, ma solo con gli acquari di grande dimensioni.

Sabbia e ghiaia: qual è il fondale migliore?

Uno degli svantaggi della sabbia bianca è che si sporca facilmente, invece con quella colorata non si va incontro a questo inconveniente. Inoltre la sabbia tende ad alzarsi ad ogni movimento dei pesci e per di più ogni volta che si pulisce il fondo con il sifone si rischia di aspirare anche i granelli. Un vantaggio della ghiaia è che le piante vive per acquari riescono a mettere radici, la sabbia invece è meno indicata perché ci vuole uno strato di parecchi centimetri per farle attecchire. Sul mercato si trovano ghiaia, sabbia e fondali per tutti i tipi di acqua, ma anche ghiaia per acquari d’acqua dolce.