Forni per ceramica

Chi lavora la ceramica per hobby o per professione sa che è importante scegliere un forno adatto per la cottura dei materiali. In commercio è possibile trovare un´ampia gamma di prodotti con caratteristiche diverse, tra cui scegliere in base alle esigenze e al budget previsto. Quanto costa un forno per ceramica? Il prezzo varia dai 200 € ai 5.000 €, con una media che si aggira intorno ai 1.000 €. Chi ha iniziato da poco a praticare questo hobby può valutare anche i forni per ceramica usati, che generalmente sono disponibili a prezzi inferiori.

I modelli variano in base ai litri (da 40 litri a 500 litri) e di conseguenza varia la capacità e il consumo in kw.

Le caratteristiche tecniche: il rivestimento

I forni per la cottura di ceramica si suddividono in due categorie principali: forni per cottura di ceramica e vetro in fibra ceramica e forni per ceramica e vetro in mattoni refrattari. La fibra ha il vantaggio di raggiungere temperature elevate in poco tempo e raffreddarsi più rapidamente, causando quindi un consumo minore di energia. I mattoni hanno però il vantaggio di mantenersi più facilmente ad una temperatura stabile. La fibra ha una durata inferiore rispetto ai mattoni e quindi non è adatta a chi utilizza il forno molto frequentemente e ad alte temperature. I mattoni hanno invece bisogno di più manutenzione, perché tendono a danneggiarsi e sbriciolarsi.

Forni a gas o elettrici?

Prima di scegliere il tipo di forno è importante considerare la tecnica utilizzata. Se si seguono tecniche di cottura che necessitano di forti shock termici, è preferibile acquistare un forno per ceramica a gas, in modo da non sottoporre le resistenze elettriche a stress. Se invece è necessario mantenere una temperatura costante, si possono scegliere i forni elettrici, che si regolano facilmente e sono meno pericolosi. Va ricordato che in Italia è possibile utilizzare in casa solo i forni da 3 kw come consumo massimo. In ogni caso è consigliabile effettuare le cotture di notte, per sfruttare la maggiore disponibilità di corrente e di tensione.

Carica frontale o a pozzo

I forni a pozzo vengono caricati dall´alto, rendendo le operazioni di scarico e carico più difficoltose. Questi forni sono però generalmente più economici, facilmente smontabili e possono essere adatti ad ambienti stretti. I forni a carica frontale sono più facili da utilizzare, permettono di vedere all´interno e quindi di sistemare gli oggetti in modo da sfruttare al meglio lo spazio di cottura.

Il termocomputer

Il termocomputer digitale serve a regolare la temperatura interna del forno secondo un programma prestabilito e permette di spegnere automaticamente il forno al raggiungimento della temperatura desiderata. In questo modo non è necessario seguire costantemente i cicli di cottura che durano ore, perché il computer alzerà o abbasserà automaticamente la temperatura in base alle fasi di cottura. Per alcune tipologie di ceramiche è infatti importante calibrare l´andamento della salita, lo stazionamento alla massima temperatura e i tempi di raffreddamento.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda