Ferri da maglia

Lavorare a maglia è un passatempo che probabilmente viene tramandato dalla proprie mamme e dalle proprie nonne. Con l’inizio della stagione più fredda si inizia ad attrezzarsi e organizzarsi per creare accessori e indumenti che possano proteggere dalle intemperie: maglioni, sciarpe, cappelli e chi più ne ha, più ne metta. Ogni momento di pausa o di attesa diventa un buon momento per tirare fuori ferri e lana in qualsiasi luogo ci si trova e aggiungere, man mano, un pezzo alla propria opera. Chi ha questa passione sa bene che i ferri da maglia in commercio si differenziano per forma, per dimensione e per materiale e bisogna sceglierli in base al progetto che si vuole portare a termine.

Come scegliere i ferri da maglia giusti?

Gli appassionati del lavoro a maglia o a uncinetto, spesso lo fanno non solo col fine di ottenere dei prodotti finiti, ma proprio per il piacere di creare e potersi rilassare allo stesso tempo. Questo non vuol dire che bisogna utilizzare ferri da maglia presi casualmente, anzi, è opportuno scegliere i modelli giusti al fine di agevolare la realizzazione dei capi. Data la grande vastità dei ferri disponibili in vendita, bisogna tenere conto di alcune cose per non cadere in un acquisto non adeguato.

I ferri più diffusi sono dritti e lunghi e hanno una sola punta, quello è il lato con cui si lavora, mentre dall’altro lato c’è un tappo che serve a bloccare il lavoro creato. Si usano in coppia e sono adatti per dare vita a pezzi piatti.

I ferri da maglia circolari sono anch’essi dritti, ma sono uniti fra loro da un cavo flessibile. Come si può immaginare, oltre che per pezzi piatti, sono perfetti anche per lavori circolari. I ferri che hanno entrambe le estremità a punta si usano per pezzi circolari senza giunture, tipico esempio sono i calzini, ma anche le trecce, che possono essere realizzate anche con i ferri uncinati.

Per quanto riguarda i materiali, si trovano ferri da maglia in acciaio, in plastica, ma anche modelli più particolari in bambù. Chi non è molto pratica deve scegliere un materiale che non faccia scivolare i punti facilmente, come per esempio il legno, onde evitare di perdere tutto il lavoro fatto.

Quanto costano i ferri da maglia?

Si parte da una base di pochi euro per un paio di ferri semplici e si arriva a circa 180 € per l’acquisto di un kit completo dotato di ferri di diversa forma e dimensioni.

Per procurarsi un gran numero di ferri da maglia senza dover spendere per forza una fortuna, si può valutare l’idea di acquistare dei prodotti di seconda mano.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda