Il decespugliatore: un utile attrezzo per riordinare il giardino

Uno degli attrezzi maggiormente utilizzati per tenere in ordine il proprio giardino è il decespugliatore. Utilissimo soprattutto per le piccole rifiniture e le piccole operazioni serve per rimuovere in tutta semplicità le sterpaglie di dimensioni ridotte. A dispetto del fatto che sia molto diffuso, il decespugliatore ha una storia recente. È stato inventato negli anni ‘70, del secolo appena trascorso, dall’americano Georges Ballas mentre osservava il funzionamento delle spazzole in un lavaggio automatico in Texas. Fu chiamato “Weed Eater” letteralmente “mangia erbacce” poiché rimuoveva in modo efficace le erbacce vicino ai fusti delle piante, muretti e pali come se le stesse mangiando. Il primo prototipo era uno strumento molto rudimentale composto di un motorino rotante a cui è stato applicato un grosso filo da pesca.

Avere quasi 50 anni e non sentirli

Oggi il decespugliatore è un attrezzo dotato di un sistema di alimentazione portatile, generalmente un motore a combustione, sistemato nella parte opposta rispetto al motorino rotante, montato su un’asta che permette la sua manovrabilità. Rispetto al primo prototipo non ha mutato di molto la sua struttura se non per piccoli dettagli che hanno però portato ad un aumento delle funzioni dello strumento. Non solo decespugliatore ma anche una piccola motosegacon braccio lungo, pratico come tagliasiepeo per potare piccoli rami di alberi. Uno strumento multifunzionale pratico che permette di poter curare in ogni suo dettaglio un piccolo giardino. Un’altra caratteristica importante, connessa alla versatilità, è la praticità di passare da uno strumento all’altro agevolmente. Possono essere usati in coppia con cippatori e trinciatori da giardino o con gli aspiratori o soffiatori.

Scegliere il giusto strumento

Sono diversi i lavori che possono svolgere i decespugliatori e per questo prima di fare un acquisto si deve valutare bene l’utilizzo che si intende fare e con quale frequenza si intende utilizzarlo. I decespugliatori si possono suddividere in due grandi categorie in base al sistema di alimentazione usato. I primi a motore a scoppio, a due e quattro tempi, sono utilizzati per lavori importanti e che necessitano di una forza maggiore mentre i secondi elettrici, dotati di motore elettrico sono usati per piccoli lavori di rifinitura. Bisognerà valutare la tipologia e le dimensioni degli elementi di taglio di modo da poter valutare la possibilità di utilizzare diversi accessori.

Molto utili sono anche i ricambi per i decespugliatoricome diversi adattatori o le testine per i fili di nylon.

I prezzi del decespugliatore partono da circa 130 € per uno con un motore a due tempi fino ad arrivare a 524 € per uno professionale con motore a scoppio a 4 tempi.