Cuscinetti per biciclette

I cuscinetti per biciclette sono piccoli cilindri di vario materiale che, se ben lubrificati, servono a ridurre e attutire l’attrito tra due parti meccaniche (calotta e cono) in movimento rotatorio. Posizionati in punti strategici della bicicletta, la loro funzione è determinante per le prestazioni in velocità, maneggevolezza e comfort di guida del mezzo. I cuscinetti si trovano nel movimento centrale, la cui lunghezza del perno varia in base al tipo di telaio, nei pedali e nello sterzo, questi ultimi studiati per resistere a grandi sollecitazioni, nonché nei mozzi delle ruote.

Una revisione costante dei cuscinetti, una regolazione del gioco e una periodica ingrassatura sono fondamentali per la manutenzione della bicicletta.

Vari tipi di cuscinetti

Esistono cuscinetti di vario tipo per adattarsi a diversi tipi di bicicletta e con caratteristiche fisiche differenti in base alle prestazioni desiderate. Una prima distinzione da effettuare sta nel modello di bicicletta compatibile, dalle MBX alle mountain bike alle bici da corsa. Alcuni modelli sono, invece, universali e si differenziano per la destinazione d’uso (mozzo ruota, movimento centrale) e per dimensioni, con prezzi che oscillano tra i 5 € i 17 €. Un’altra distinzione è relativa al tipo di cuscinetto; i più comuni sono quelli a sfere ingabbiate, ma ne esistono anche a cassetta, a calotta regolabile o fissa, a rullo, ciascuno adatto per effetti diversi.

Materiali

Altra variabile nella scelta dei cuscinetti è il materiale. I cuscinetti più diffusi e usati sono i cosiddetti cuscinetti a sfere industriali. Si tratta di cuscinetti sigillati con sfere in acciaio che consentono la rotazione delle calotte. Una recente alternativa sono i cuscinetti ceramici, usati soprattutto all’interno dei mozzi ma anche nei movimenti centrali e nello sterzo. La ceramica è un composto non metallico, inorganico e inerte: il materiale usato per le sfere dei cuscinetti cosiddetti ceramici è il nitruro di silicio, diffuso in ambito industriale. Si tratta di un materiale molto duro, più resistente rispetto all’acciaio, e con una densità molto più bassa, il che ne determina una notevole leggerezza. Rispetto a quelli tradizionali, i cuscinetti ceramici sono dunque più resistenti, non solo alle rotture ma anche alla temperatura, hanno sfere più piccole, consentono una maggiore scorrevolezza e non si ossidano. Il costo è ovviamente più elevato e può risultare eccessivo in base alle prestazioni richieste da una bicicletta. Per questo motivo sono stati messi in commercio degli ibridi che uniscono componenti metalliche a sfere in ceramica, con prezzi di partenza di 5 €. Cuscinetti in acciaio inox e ceramica possono comunque arrivare a quasi 90 € al pezzo.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda