Cubi magici e rompicapi: i passatempi che stimolano l’intelletto

I rompicapi hanno origini antiche e arrivano dall’estremo Oriente, ma ancora oggi siamo soliti sfidarli da soli o in compagnia. Sono oggetti affascinanti, con forme, colori e materiali che ci permettono di apprezzarli anche solo come oggetti da esposizione.

Ma sono così difficili i rompicapi? E quante tipologie esistono? Rispondere alla prima domanda è semplice, mentre per la seconda occorrerebbe dilungarsi, ma proveremo comunque a dare una risposta esauriente.

Puzzle e rompicapi hanno lo stesso livello di difficoltà, ma è l’approccio ad essere soggettivo, ovvero il nostro modo di vedere le cose e di risolvere i problemi. Inoltre, è stato dimostrato che l’età, il livello di formazione e di occupazione possono determinare la nostra riuscita di un rompicapo. Le abilità sviluppate al lavoro o a scuola possono aiutarci a risolvere il puzzle o, al contrario, allontanarci dalla soluzione.

I bambini, infatti, sembrano essere più avvantaggiati proprio per via del loro approccio naturale, privo di preconcetti.

I diversi tipi di puzzle

Quando si parla di puzzle, generalmente pensiamo alle immagini bidimensionali da comporre con diverse tessere, come i classici Ravensburger, o al famoso cubo di Rubik, un articolo che ancora oggi riscuote molto successo presso i rivenditori di giocattoli e modellismo. In realtà, la parola puzzle si riferisce a un rompicapo, ovvero a un quesito con uno o più obiettivi, da risolvere con ingegno e pazienza e composto da più pezzi.

Facile immaginare la vasta gamma di offerta sul mercato, con prezzi che possono variare in base ai materiali, alla tecnologia o al numero di pezzi (da 1 € a oltre 200 € per quelli più avanzati), senza dimenticare la possibilità acquistare articoli usati.

Conosciamo tutti il classico cubo magico, realizzato in plastica o in legno, ma attualmente un nuovo rompicapo che fa scatenare le menti più attive è il fidget cube, che pare abbia un effetto antistress simile al fidget spinner e può essere un’ottima idea regalo per chi non riesce mai a stare fermo con le mani.

Tra i puzzle e rompicapi più apprezzati, troviamo poi il tangram, ovvero un antico gioco orientale che consiste nel disporre diversi elementi geometrici in modo da ottenere una determinata figura. Vale anche la pena citare il tantrix, antenato del cubo di Rubik, e la torre matematica, composta da una torre di cubi che su ogni faccia riportano un numero. Lo scopo del gioco è fare in modo che la somma su ogni lato della torre sia di 555. Infine, anche i puzzle 3d hanno un numero notevole di ammiratori.

Come abbiamo visto, la scelta è molto ampia e certamente in grado di soddisfare i gusti di tutti.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda