Cravatte e papillon da uomo Brioni: distinguersi in ogni occasione

Tra gli accessori da uomo, le cravatte ed i papillon sono quelli che donano immediatamente un tocco di eleganza all’outfit. Imprescindibili nelle occasioni formali e molto graditi in quelle informali, questi due capi non possono mancare in nessun guardaroba maschile.Le cravatte e papillon da uomo Brioni sono da sempre sinonimo di ricercatezza e buon gusto. Questo brand, fin dalla sua comparsa nel 1945 si è imposto a livello internazionale come un marchio di riferimento per personaggi del cinema, politici in vista e uomini d’affari importanti. Ne esistono di moltissimi modelli, tessuti e colori. I prezzi possono andare da 20 € a più di 100 €. Gli hipster amanti dello chic possono trovare nell’usato alcuni tesori vintage, mentre per risparmiare un po’ senza rinunciare a distinguersi, si può cercare tra il nuovo senza etichette.  

Cravatte e papillon Brioni, quali sono i modelli e come indossare il più adeguato alla circostanza

La varietà di cravatte e papillon Brioni è talmente vasta che potrebbe sembrare davvero difficile decidere, di volta in volta, cosa indossare. In realtà però, l’etichetta viene in soccorso degli indecisi: c’è infatti un galateo abbastanza rigido, soprattutto per le occasioni formali e per le cerimonie, che non ammette praticamente variazioni. La prima regola inviolabile del dress code impone che con lo smoking vada abbinato un papillon di seta nera. Il papillon bianco invece, va indossato con il frac.Il papillon con chiusura annodata è il più tradizionale e “stiloso”. In tempi recenti, si sono diffusi modelli premontati con una chiusura a spilla, sono più pratici ma molto meno amati dai cultori dell’oggetto.L’uso della cravatta è preferibile, se si indossa un tight o un mezzo tight.Nelle situazioni più informali c’è in generale maggiore libertà, ma alcuni capi richiedono obbligatoriamente il papillon. Se si portano le bretelle per esempio, la cravatta è vietata; così come con le camicie botton down, cioè quelle il cui colletto è fissato alla parte frontale con un bottoncino per lato. Nella vita di tutti i giorni la cravatta, sia classica che corta, è certamente più usata. C’è un margine di manovra più ampio, ma ci sono comunque delle norme di buon gusto.La cravatta a tinta unita è in generale più versatile, può opporsi al colore della camicia ma essere in sintonia con quello della giacca.Un errore da evitare è quello di abbinare forme geometriche diverse, se per esempio si indossa una giacca a quadri, la cravatta non può essere a righe, dovrà essere a quadri o in tinta unita.Con una camicia a righe invece, è preferibile una cravatta a tinta unita dello stesso colore della riga.