Il contagiri digitale: funzioni e caratteristiche

I contagiri digitali per l’elettronica industriale sono dei dispositivi professionali, spesso di modeste dimensioni, che servono a rilevare i numeri di giri compiuti da un apparecchio elettrico, generalmente un motore. Possono essere a distanza, e in questo caso utilizzeranno per le rilevazioni un raggio laser, o a contatto, per cui si dovranno posizionare opportuni adattatori e adesivi sull’elemento oggetto di misurazione.

Le rilevazioni sono generalmente contate in giri al minuto, ma è possibile utilizzare anche la frequenza giri/secondo. Tra l’altro, per chi opera a livello industriale è possibile anche far realizzare dei dispositivi su misura da ditte specializzate del settore.

I contagiri non sono certo l’unico tipo di dispositivo di misurazione disponibile per l’industria. Sul mercato abbondano i misuratori e i rilevatoridi ogni tipo di parametro utile al settore dell’elettronica, visto il grande bisogno di misurazioni sicure e affidabili delle tecnologie del giorno d’oggi.

I prezzi e le opportunità nell’usato

Tra i misuratori e i rilevatori per l’elettronica industriale, i contagiri sono tra i più economici: si va dai 25 € ai 40 € circa. In confronto, un misuratore ESRcosta mediamente molto di più, intorno ai 50 €-100 €, mentre alcuni modelli di misuratori di impedenza LCRsuperano i 200 €.

E per quelli fatti su misura? In questo caso, bisognerà chiedere un preventivo all’azienda costruttrice, ma è bene prepararsi a un conto inevitabilmente salato. La personalizzazione, si sa, costa.

Come per tutti gli apparecchi e le macchine industriali, anche per questo tipo di dispositivo esiste un mercato dell’usato. La differenza con i prodotti di largo consumo è che in questo caso esiste un modo preciso di calcolare il valore del prodotto, che si ottiene semplicemente sottraendo gli ammortamenti già contabilizzati al prezzo a nuovo, salvo il deprezzamento iniziale del 30% ed eventuali danni o riparazioni intervenuti in corso d’uso.

Le principali marche

I produttori di questi minuscoli apparecchi sono spesso marche sconosciute al grande pubblico, come ad esempio Pixtic, dietro cui si cela un’azienda cinese del Guandong che tra l’altro produce e commercializza anche materiale fotografico, o l’italiana Tech Work, che offre anche amperometri professionalie rilevatori ambientali. Peaktech è invece un distributore di Salerno specializzato nel segmento degli apparecchi di misurazione industriale, che opera fin dal 1975 commerciando un ampio spettro di strumenti che include, tra l’altro, anche i termometri e gli igrometri. Ricordiamo infine Extech, con stabilimenti vicino a Novara e anch’essa specializzata nella produzione di strumenti di misurazione di alta precisione per l’industria.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda