Cavalletti per biciclette

Sul mercato sono disponibili due tipi di cavalletti per biciclette: quelli per mantenere e quelli per riparare.

I primi possono essere di tre tipologie: Laterali: si alloggiano nell'apposito inserto centrale sotto il telaio e che tengono la bicicletta appoggiata a terra in equilibrio su un lato. Centrali: si montano nell'inserto centrale sotto il telaio e sono dotati di 2 piedi che reggono la bici in posizione perfettamente dritta. Posteriori: sono i più utilizzati nelle mountain bike e nelle e-bike; possono avere i fori oppure un supporto che si adatta ai foderi posteriori del carro del telaio.

Un aspetto importante da tenere in considerazione per la scelta del modello, è la misura della ruota della bici, infatti esistono cavalletti per cerchi da 20", 22", 24", 26", 28" o 29".

Cavalletti di riparazione

Questo accessorio è fondamentale per le fasi di mantenimento e pulizia, poiché consente di realizzare queste operazioni senza che il veicolo si danneggi. Esistono sul mercato due tipologie, da terra e da parete, entrambe hanno lo scopo di tener sollevata la bicicletta dal pavimento, affinché non si deformino le ruote.

  • Cavalletti da parete: sono dotati di agganci per appendere al muro la bici. Consentono di lavorare sulla parte della bicicletta che non tocca la parete e si dovrà girare manualmente per accedere all’altro lato. Questo tipo di appoggio non richiede molto spazio disponibile e può essere fissato anche in un garage piccolo. Questi cavalletti non sono molto comodi per le operazioni di mantenimento, però possono essere usati come supporti quotidiani.
  • Cavalletti da terra: si compongono di una base di appoggio, solitamente un treppiedi e di un’asta fissata su di essa. Questa struttura garantisce stabilità e assicura che la bici sia agganciata saldamente, senza pericolo di caduta o ribaltamento. Questo modello consente di accedere al veicolo a 360°, rendendo può semplici le operazione di manutenzione, ma richiedono un certo spazio per collocare la bici.

Caratteristiche dei cavalletti

Prima dell’acquisto, bisogna tenere in considerazione il peso della bicicletta. Quelle moderne hanno un telaio leggero, mentre quelle di qualche anno fa sono più pesanti.

Quindi, in relazione al peso, bisognerà scegliere un modello di cavalletto, anche se generalmente sono tutti omologati fino ad un peso di 30 chilogrammi.

Bisogna anche assicurarsi che l’attrezzo sia stato realizzato con materiali di qualità, resistenti e che possano reggere la bici per periodi di tempo prolungati.

Prezzi dei cavalletti

I prezzi del cavalletto dipendono dai materiali in cui è realizzato. Possono variare dai 2 € per un cavalletto laterale fino a 380 € per uno di riparazione. Nel caso in cui il budget sia limitato, si può optare per il mercato dell’usato, dove si possono trovare modelli in buone condizioni a prezzi convenienti.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda