Il cavalletto nei veicoli a due ruote

Quando moto e motorini devono essere parcheggiati, il cavalletto è l’unico accessorio che permette al mezzo di rimanere stabile ed evitargli brutte cadute.

Ogni modello possiede un determinato tipo di cavalletto realizzato in base alla lunghezza e al peso del veicolo, quindi adatto a sorreggerlo in modo adeguato.

Il funzionamento è sempre meccanico, così come la posizione è sempre perpendicolare.

Centrale o laterale?

Principalmente, esistono due tipi di cavalletto: quello centrale e quello laterale.

Ogni costruttore decide quale tipologia è la migliore per il proprio mezzo. I materiali di costruzione sono quasi sempre acciaio e alluminio, due dei materiali più resistenti al mondo.

Alcune moto possiedono entrambi le versioni, le quali possono rivelarsi utili in diversi contesti.

Il cavalletto centrale permette infatti di mantenere la moto quanto più dritta possibile, potendo quindi lavorare sulla catena o fare rifornimento in tutta tranquillità.

Per il solo parcheggio, il cavalletto laterale fa bene il suo dovere e non è semplice ribaltare la moto quando questo è inserito.

Molti motociclisti trovano più comodo quello laterale, anche quando la strada è in salita o in discesa, dove spesso è sufficiente inserire la prima marcia per trovare la massima stabilità del mezzo.

Quando il terreno di appoggio non è asfaltato, è possibile ricorrere all’utilizzo di un’estensione, ovvero a una superficie in alluminio con una base che riprende la forma del piede della stampella laterale. È un accorgimento che può rivelarsi utile per non far sprofondare il cavalletto; costa circa 15 € e varia in base al modello di moto o scooter.

Cavalletto laterale di ricambio

Chi è in cerca di un ricambio per moto, online troverà sicuramente l’opzione giusta, sia essa nuova o usata. È vero, però, che bisogna essere sicuri di trovare il pezzo giusto e compatibile con il proprio veicolo.

Bisogna accertarsi che la moto o lo scooter abbiano un apposito alloggiamento per cavalletto sul lato sinistro, quello più comune, o sul lato destro. Per quanto riguarda lo scooter, il cavalletto laterale sinistro costa circa 20 €, nuovo e originale Piaggio.

La spesa necessaria per sostituire un cavalletto laterale su una moto come la Guzzi V65 o la Suzuki SV 1.000 del 2003 si aggira intorno ai 50 € se nuovo, poco più di 25 € se usato.

Il prezzo aumenta per modelli più recenti come la EXC KTM e cavalletti non originali. Accossato ne produce uno specifico per questo modello, disponibile a poco meno di 60 €.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda