In bici con sicurezza

Pedalare alla scoperta dei paesaggi più belli, in montagna, in città, al mare, dalle colline fino alle spiagge, è un piacere che non ha limiti.Nonostante non si raggiungano alte velocità, la sicurezza è sempre di primaria importanza. In città o in campagna, il caschetto e le protezioni da ciclismo sono fondamentali per la salvaguardia della propria incolumità. Gli incidenti si verificano anche a causa di bruschi movimenti di chi guida auto e moto, dunque non bisogna mai sottovalutare il pericolo. Il classico caschetto da bici è un articolo semplice da indossare e spesso reperibile a meno di 15 € per i modelli regolabili di base, perfetti per un breve giro in città. Ogni casco per bici possiede al suo interno una certificazione che, in accordo con le normative europee, assicura uno standard qualitativo in grado di proteggere il cranio in caso di cadute. Ogni modello però, offre delle caratteristiche diverse, più o meno utili ai diversi stili di bicicletta.

Il modello da corsa

I caschi per bici da corsa possiedono qualità aerodinamiche uniche nel loro genere. Vengono creati appositamente per garantire meno attrito possibile durante la pedalata. Allo stesso modo, devono essere quanto più leggeri possibili e offrire un buon sistema di aerazione, per consentire un ricircolo dell’aria evitando che la sudorazione rovini il rivestimento o sia motivo di fastidio. Il casco per bici da corsa ha solitamente una calotta esterna in fibra di carbonio o policarbonato, dove il primo materiale offre un peso totale minore. La parte interna prevede una calotta in poliuretano, che ha lo scopo di attutire il colpo ricevuto in caso di cadute accidentali. Un casco per ciclismo su strada costa mediamento 60 €, come quelli offerti da Met, prezzo che sale fino a oltre 150 € per i modelli in fibra di carbonio.

Per le MTB

I caschi per mountain bike hanno una struttura simile a quelli da corsa, ma possono avere una visiera in aggiunta e migliori caratteristiche di resistenza agli agenti atmosferici. Alcuni caschi riprendono le forme di quelli da motocross, quindi integrali, per offrire il massimo grado di protezione. Ne sono un esempio i modelli Bell - che costano mediamente 160 € - e quelli della O’Neal, con modelli a partire da 80 € adatti anche al downhill. I caschi aperti da MTB sono preferiti da chi non affronta percorsi in discesa e troppo accidentati. Scott propone questo tipo di casco al costo medio di 60 €. Per le MTB sono consigliate anche imbottiture e protezioni come gomitiere e ginocchiere, dato che le cadute accidentali sono più frequenti.I caschi da BMX Bern sono acquistabili a partire da 40 €.
 

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda