Cartoline di Siracusa, un viaggio nella storia

Siracusa e la sua provincia, nell’estremo sud est della Sicilia, raccontano ben 3 millenni di storia: una terra antichissima e dalla grande tradizione.

Fondata nel 734 a.C., Siracusa fu a lungo considerata una delle più belle città greche, come la battezzò Cicerone, perché fu proprio nel suo periodo greco che conobbe il massimo splendore. Le influenze greche su Siracusa e provincia sono tuttora visibili, ma ad esse si affiancano anche quelle romane, fino ad arrivare, con un grande salto temporale, al magnifico barocco siciliano. Chiese e palazzi in stile barocco sono nella provincia di Siracusa, così come in altre zone della Sicilia, come Ragusa, Catania e anche a Palermo.

A raccontare la storia di queste città non sono solo libri e documentari, ma anche le cartoline. Una cartolina, del resto, non è più solo un modo per salutare amici e parenti durante un viaggio, ma diventa testimonianza storica del territorio siracusano. Questo grazie ai collezionisti che nei mercatini e nelle sezioni annunci di Siracusa si scambiano cartoline d’epoca, valutano il loro valore e le catalogano con cura. Ogni ritrovamento corrisponde ad un pezzo della storia di Siracusa che viene a galla.

Come da tradizione le cartoline possono ritrarre le bellezze architettoniche e naturalistiche della città: il porto, l’anfiteatro Romano, la grotta dei cordari, il ponte Umbertino che la collega all’isola di Ortigia e il Palazzo delle poste risalente agli anni ’20 del Novecento. Le cartoline sanno narrare, però, anche tradizioni e folclore: non mancano esemplari da collezione con il tipico carretto siciliano, souvenir di prestigio per tutti i turisti.

Non solo storia antica ed architettura: le cartoline come cimeli del Novecento

Collezionare cartoline di Siracusa significa fare un viaggio nella storia della città e guardarla con occhi diversi. I giovani, per esempio, possono vedere scorci e strade negli anni ’60, ’70 o ’80, quando non erano ancora nati; i nonni possono, invece, ricordare la Siracusa degli anni ’50 e condividerla con i nipoti. È innegabile, allora, che le cartoline siano veri e propri cimeli del Novecento. Le più antiche risalgono persino agli anni ’20 e ritraggono siracusani a lavoro, feste di piazza o pescatori a riposo: vere e proprie istantanee della storia. Le più moderne, dagli anni ’70 in poi, hanno foto a colori dei panorami della città.

I prezzi di una cartolina variano da 0,01 € ai 200 €, a seconda dell’anno di pubblicazione e dello stato di conservazione. Le più rare e preziose hanno il timbro postale d’epoca, messaggi personali e indirizzi dei vecchi destinatari. Altre invece sono intonse, come nuove, ma costituiscono comunque ricordi indelebili di un tempo lontano.