Cartoline paesaggistiche della Val d'Aosta da collezione: natura e costumi che cambiano

Le cartoline raccontano storie, mostrano paesaggi, parlano di epoche passate. È per questo che collezionarle è un hobby molto diffuso e, in alcuni casi, anche remunerativo perché, se in buono stato, questi oggetti acquistano valore nel tempo. I collezionisti, di solito, scelgono una tematica specifica: cartoline illustrate, pubblicitarie, oppure cartoline paesaggistiche italiane da collezione. Quando si collezionano cartoline bisogna saperne riconoscere il valore e per farlo vanno considerati alcuni parametri. Il primo è l’epoca della cartolina: un tempo, si ricorreva alla stampa litografica in bianco e nero. Un altro è lo stato di conservazione. In ogni caso, sono le cartoline d’epoca illustrate con fotografie quelle che hanno maggiore valore. I prezzi delle cartoline paesaggistiche della Val d'Aosta vanno da 1 € a oltre 100 €. Anche nell’usato si possono trovare numerose offerte.

Immagini di una storia

Gli appassionati di cartoline paesaggistiche italiane tendono a focalizzarsi su un luogo particolare, in modo da poterne seguire i cambiamenti e gli sviluppi nel tempo: cambiamenti testimoniati appunto nelle cartoline, attraverso le quali è possibile vedere com’è mutato un paesaggio, una piazza, o una città. Tra le cartoline italiane da collezione, si trovano in particolare le cartoline d’Aosta e della sua valle; ma online si possono reperire anche cartoline sui castelli valdostani, sul Monte Cervino, su Cervinia, o sul Monte Bianco.

Con oltre duecento cartoline paesaggistiche della Val d’Aosta di fine Ottocento, sono stati celebrati i centocinquanta anni della conquista del Monte Cervino, ripercorrendo, tramite una suggestiva esposizione di sequenze di cartoline dell’epoca, il tragitto da Chatillon al Cervino nell’itinerario che seguivano guide e alpinisti.

L’importanza di una buona conservazione

Tra i tanti articoli da collezione, le cartoline sono tra quelli nei quali la conservazione è basilare.

Alcuni collezionisti preferiscono le cartoline in perfetto stato, altri si orientano invece su quelle usate o viaggiate, perché costituiscono anche delle testimonianze storiche. Ma entrambi i tipi di collezionisti sanno quanto sia importante la buona conservazione delle cartoline, che è uno dei fattori che ne determinerà poi il valore. Occorre tenerle al riparo dall’umidità, dalla luce solare diretta, che può sbiadire i colori, e conservarle in luoghi secchi per non incorrere nella formazione di muffe. Vanno riposte all’interno di appositi supporti, che devono essere leggermente più ampi rispetto alla cartolina. Infine, occorre prestare attenzione a non attaccare sugli album le cartoline con la colla, perché ciò le rovinerebbe irrimediabilmente nel tempo.